Province

Melito Porto Salvo, beni per 2 milioni sequestrati ad un imprenditore

Scritto da:

Beni per un valore di 2 milioni di euro sono stati sequestrati dalle Fiamme Gialle del Nucleo Speciale Polizia Valutaria di Reggio Calabria.

La misura di prevenzione è stata eseguita nei confronti di Alberto Pizzichemi, 48enne imprenditore di Melito di Porto Salvo (RC) e del suo nucleo familiare. Ha interessato 10 beni immobili (tra cui appartamenti e terreni siti in Reggio Calabria e Bologna), l’intero complesso aziendale di una rivendita di tabacchi (sita all’interno di un noto centro commerciale bolognese), nonché altre disponibilità finanziarie.

Secondo le indagini l’imprenditore operava nella zona grigia di contiguità alle cosche Iamonte (attiva nella fascia ionica della provincia reggina) e Piromalli (egemone sulla Piana di Gioia Tauro). E seppure formalmente incensurato, perché assolto definitivamente dal delitto di associazione mafiosa, è stato ritenuto dal Tribunale Sezione Misure di Prevenzione inserito “in quella zona d’ombra” contigua alle organizzazioni criminali.

Gli investimenti da lui effettuati, inoltre, “erano del tutto sproporzionati rispetto alle fonti di reddito legittimamente realizzate. In particolare i finanzieri hanno ricostruito tutti i redditi prodotti dall’imprenditore e dal suo nucleo familiare a decorrere dall’anno 1991 e, confrontandoli con gli acquisti e con gli investimenti effettuati negli anni, hanno dimostrato la netta sproporzione tra i redditi conseguiti e i beni acquisiti e le somme di denaro accumulate”.

Condividi su
5 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA