Attualità Cronaca Notizie Politica TICKERS

Morta Jole Santelli: il saluto da parte del mondo della politica nazionale e calabrese

Dal premier Conte ai leader nazionali Tajani, Salvini e Meloni, fino ai rappresentanti politici calabresi, hanno voluto rivolgere un pensiero alla presidente della Regione

La presidente della Regione Jole Santelli si è spenta questa notte nella sua abitazione a Cosenza. Il mondo della politica ha da subito mandato messaggi di saluto.

“Una perdita dolorosa! La scomparsa di Jole Santelli è una ferita profonda per la Calabria e per le Istituzioni tutte. Il mio pensiero commosso e le più sentite condoglianze ai suoi familiari”. E’ il pensiero del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

«Con Jole perdo un’amica fraterna, una parte della mia famiglia, una meravigliosa complice di tanti progetti, di tanti sogni per questa nostra Calabria. Sogni che condividevamo fin dal primo giorno della nostra amicizia. Perdo il presidente della Regione che ho sempre desiderato. Perdo una parte di me. Con Jole dico addio a una parte del mio entusiasmo, perché con lei abbiamo imparato a condividere tutto, come buoni fratelli, a volte litigando un po’, ma il più delle volte sorridendo. Era una donna ironica, curiosa, simpatica, eccentrica, artistica, fantasiosa, lungimirante. La Calabria perde un grande governatore». Così il vicepresidente della Regione Calabria, Nino Spirlì. «Mi auguro che, oggi – continua –, tutti i calabresi siano uniti in questo immenso dolore. È morta una guerriera, una politica che ha fatto della tutela dei diritti delle donne una bandiera e che non si è mai piegata a strapoteri di alcun genere. Noi, per quanto nelle nostre possibilità, lavoreremo senza sosta per portare a termine il progetto politico di Jole. Non sarà facile, senza di lei. Non saranno giorni semplici quelli che ci vengono incontro, ma faremo di tutto per non disperdere il suo patrimonio umano, politico e amministrativo».

«Oggi la Calabria ha perso una vera leader, una donna che, passo dopo passo, stava rivoluzionando l’intera regione. Mi piaceva tutto quello che stava facendo, ma proprio tutto. E lo faceva a una velocità vertiginosa, si faceva davvero fatica a starle dietro. È stata come una cometa, che ha illuminato per poco tempo il nostro cielo buio. Ci aveva fatto capire che era lecito sognare, puntare in alto. Invece se n’è andata all’improvviso, proprio come fanno le comete. Era la persona che questa regione aspettava da tempo, una visionaria. E ora siamo orfani, Jole ci ha lasciati soli. È un giorno triste per tutti». Così l’assessore della Regione Calabria Sandra Savaglio.

«Un destino crudele ha fermato per sempre il coraggio, la passione e il sorriso di Jole Santelli, la prima donna nella storia chiamata a governare la Calabria. Voleva essere – questo il ricordo del presidente del Consiglio regionale della Calabria, Domenico Tallini -, il sole di questa terra che amava smisuratamente, al punto da sfidare anche le avversità più dure. Jole non sarà una meteora, il suo nome, resterà scolpito nella storia recente della nostra regione come esempio di donna coraggiosa e lungimirante che sognava una Calabria dai mille colori. Ciao Jole».

“Con profonda costernazione apprendo la tragica notizia della prematura scomparsa di Jole Santelli. Nessuna parola è adeguata ad esprimere il mio dolore e quello di tutti noi di Forza Italia. Jole lascia davvero un vuoto incolmabile nelle nostre anime. Era un’amica sincera, intelligente, leale, era una donna appassionata, una combattente tenace. Mi è stata vicina anche nei momenti più difficili. Non aveva paura di nulla, neppure della malattia e della sofferenza. Come pochi altri – prosegue Berlusconi – aveva saputo mettere nell’impegno politico generosità, intelligenza, cultura, aveva affrontato senza esitare sfide difficili in Parlamento, al Governo, in Forza Italia, fino all’ultima bella battaglia che l’aveva portata alla Presidenza della sua Regione. Jole rappresentava la speranza del riscatto di una terra che amava appassionatamente, l’idea di un Mezzogiorno che ha in sé stesso la dignità e la forza di essere protagonista del futuro, di guardare all’Europa e al mondo. Ai suoi cari, a tutti coloro che l’hanno conosciuta, stimata, amata voglio esprimere il mio cordoglio più sentito e più profondo. Il loro dolore è anche il mio”. E’ quanto dichiara l’ex presidente del Consiglio e presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, dopo aver appreso la notizia della morte del presidente della Regione Calabria.

“Andarsene a soli 51 anni, dopo aver lavorato per la tua gente, con il sorriso, fino a poche ore fa. La Calabria e l’Italia ti abbracciano Jole, una preghiera per te e un pensiero alla tua famiglia, ai tuoi amici e a tutta la tua comunità. Buon viaggio cara Jole”: è il pensiero del senatore e leader della Lega Matteo Salvini.

 

“Siamo sconvolti dalla notizia della scomparsa improvvisa del presidente della Regione Calabria, Jole Santelli. Ci lascia un’amica, una donna coraggiosa, un politico fiero e orgoglioso delle sue idee, che ha combattuto tutta la vita per la sua terra e per offrire una occasione di riscatto alla Calabria. Da parte mia e di tutta Fratelli d’Italia voglio esprimere il più profondo cordoglio e vicinanza alla sua famiglia e ai suoi cari.
Addio Jole, ci mancherai”. E’ il pensiero della deputata e presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.

 

“Se ne è andata una grande donna, una grande amica, una collega preziosa, un punto di riferimento per Forza Italia, per la Calabria, per il Mezzogiorno. Non ci sono parole. Il gruppo di FI alla Camera esprime sincero cordoglio”. Lo ha scritto su Twitter la capogruppo di Forza Italia Maria Stella Gelmini.

 

“All’improvviso ci ha lasciato Jole Santelli. Un dolore profondo pervade tutta la comunità di Forza Italia. Perdiamo una amica, una grande Donna, una protagonista della politica italiana, amata dal suo popolo calabrese al quale ha dato tutta la sua vita”. Lo ha scritto su Twitter il vicepresidente azzurro Antonio Tajani.

 

“Addio Jole, l’Italia piange il primo presidente donna del Sud”: lo scrive in una nota la Lega Calabria. “È un momento di forte dolore e sconforto per tutto noi, per il nostro partito, per la Calabria e l’Italia intera – continua – siamo onorati di aver sostenuto la prima presidente donna del Sud, e non dimenticheremo il suo impegno e sacrificio. Addio Jole, è stato un onore. Ci mancherai”.

 

“Sentite condoglianze a tutti i Calabresi – ha scritto il sindaco di Messina Cateno De Luca – con lei avevano condiviso l’iniziativa “il passaporto per gli innamorati”. Ciao Jole!”

 

“A nome mio e di tutta la comunità del Partito democratico della Calabria esprimo il più sentito cordoglio ai familiari di Jole Santelli”. Lo dichiara il commissario regionale del Partito democratico della Calabria Stefano Graziano: “Rendiamo omaggio a una donna delle istituzioni, che  nonostante combattesse da tempo contro il male del secolo aveva scelto di continuare a lavorare per i suoi concittadini e per la sua regione. Che la terra le sia lieve”.

 

“L’improvvisa scomparsa di Jole Santelli è una notizia tragica che ci lascia sgomenti. Come Movimento 5 Stelle calabrese esprimiamo il nostro cordoglio e ci stringiamo, con affetto e commozione, intorno alla sua famiglia e a tutte le persone a lei care. Oggi è una giornata di grande dolore per tutta la Calabria”. E’ quanto scrive il parlamentare Alessandro Milicchio a nome dei colleghi pentastellati.

 

“La morte della presidente Santelli è una grave perdita umana e politica”. Lo scrive il deputato di Italia Viva Sebastiano Barbanti, che aggiunge: “Durante l’esperienza condivisa nella scorsa Legislatura alla Camera dei Deputati, sebbene su posizioni diverse, ci confrontavamo spesso sulla situazione della nostra regione. Da 10 anni lottava quotidianamente con la malattia, ma lo ha fatto sempre con riservatezza e mai sottraendosi al lavoro. A prescindere dalle posizioni politiche, nessuno può smentire il fatto che Iole Santelli fosse una combattente. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia ed ai suoi cari”.

 

“È un giorno triste per la nostra Regione, la scomparsa della Presidente Santelli mi addolora profondamente: lo ha affermato il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. “Ci siamo scontrati spesso in questi mesi, nel pieno rispetto dei ruoli – continua – ma questo è il momento di stringerci intorno alla famiglia e rispettarne il dolore. Reggio Calabria osserverà il lutto cittadino per la giornata delle esequie. Buon viaggio Presidente, ti sia lieve la terra”.
“Sono addolorata per la morte di una giovane donna calabrese, una donna che ha lottato contro la malattia e che ha comunque lavorato e si è impegnata in politica”. Lo ha dichiarato in una nota la consigliera regionale Flora Sculco. “La Calabria – continua – oggi piange la sua presidente, la prima presidente donna della Regione che, con il suo entusiasmo, dava un senso diverso alla politica. Al di là dell’appartenenza politica Jole Santelli è stata una donna caparbia e forte. Stavamo imparando a conoscerci e al di là della differenza dei ruoli e delle appartenenze, era nata quella complicità tipicamente femminile. Oggi posso dire, con la tristezza nel cuore che la nostra Calabria ha perso una grande donna”.

 

“Sei stata grande Jole. La tua passione, la tua forza, il tuo coraggio saranno un esempio per tutte noi. Voglio ricordarti così allegra e combattiva, come quando abbiamo, insieme, occupato l’Aula, per far introdurre il reato di revenge porn nel Codice Rosso. Sempre dalla parte delle donne. Ti voglio bene”. E’ il pensiero della deputata del PD Enza Bruno Bossio.

“Sono sinceramente e profondamente addolorato: la scomparsa di Jole Santelli è una gravissima perdita per la Calabria”. Lo ha dichiarato il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo. “La conoscevo da tempo e da tempo eravamo amici – continua – abbiamo condiviso tante battaglie politiche, per ultime le sfide che aveva messo davanti a noi amministratori l’emergenza coronavirus, affrontata dalla governatrice con un piglio sicuro ed efficacia produttiva. Proprio questo suo, purtroppo molto breve, periodo alla guida della Regione, aveva fatto vedere in tutta evidenza le sue straordinarie capacità amministrative, non solo politiche. Seria, competente, incisiva, disponibile al dialogo e al confronto con i territori e i cittadini, Jole Santelli avrebbe continuato a svolgere un ottimo lavoro permettendo alla Calabria di rialzare la testa.
In questo momento che ha lasciato tutti sgomenti, credo di poter rappresentare il sentimento di tutta la città e della provincia di Catanzaro inviando un abbraccio commosso alla famiglia Santelli. Jole ci mancherà, ma mancherà alla politica calabrese e alla Calabria intera.
In sua memoria ho proclamato per domani, venerdì 16 ottobre, il lutto cittadino. A Palazzo De Nobili, sede del Comune, e a Palazzo di Vetro, sede della Provincia di Catanzaro, saranno esposte le bandiere a mezz’asta in segno di cordoglio”.
“Apprendo con sgomento ed incredulità della scomparsa della presidente della Regione Jole Santelli. Non avevo ancora avuto modo di incontrarla personalmente e mi ero ripromesso di farlo nei prossimi giorni non solo per dovere istituzionale ma per sincera attenzione nei confronti di chi rappresenta a livello nazionale tutti i calabresi. La sua scomparsa rappresenta un dolore forte per tutti i calabresi – ha dichiarato il sindaco di Crotone, Vincenzo Voce – esprimo il cordoglio personale al quale associo quello della comunità di Crotone, della giunta comunale, di tutti i consiglieri comunali”.

“Una notizia che sconvolge tutti. La morte di Jole Santelli, eletta meno di un anno fa presidente della Regione Calabria, ci rattrista profondamente. La mia vicinanza alla sua famiglia, ai suoi cari, a chi l’ha sempre amata e la amerà per sempre”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

“Ciao Jole, lasci un vuoto incolmabile, donna straordinaria, dalla forza ed entusiasmo travolgente, con quella voglia di vivere intensamente, dedicando ogni giorno alla tua Calabria non dimenticando di divertirti nello stesso tempo. Quella gran voglia di vivere ogni giorno come fosse l’ultimo, spesso non compresa da molti. Sei stata un esempio di vita, di dedizione alla politica e di amore per la tua terra, quella che ardentemente volevi vedere rifiorire”. Il pensiero del deputato crotonese di Forza Italia, Sergio Torromino.

+++ IN AGGIORNAMENTO +++
92 Condivisioni
Condividi su Whatsapp