Cultura e Libri Notizie Province

Musei calabresi gratis per la Giornata regionale di sabato 24

Il museo archeologico nazionale di Vibo Valentia
30 Condivisioni

Si terrà sabato 24 novembre la prima Giornata regionale dei Musei di Calabria, una iniziativa di promozione del patrimonio culturale calabrese ideata dall’assessorato all’Istruzione e Attività Culturali della Regione Calabria, in seguito ad un confronto aperto con istituti museali e associazioni del settore.

“Lo scopo – si legge in una nota – è quello di invogliare i cittadini a riappropriarsi della propria storia attraverso la conoscenza del patrimonio culturale che i musei custodiscono. Per dare modo ad un largo pubblico di partecipare, l’assessore regionale alla Cultura, Maria Francesca Corigliano, ha invitato i direttori dei musei calabresi a concedere una giornata di apertura gratuita e a coinvolgere scuole e associazioni del territorio per animare una giornata che è innanzitutto di consapevolezza ma anche di festa e condivisione della bellezza”. “Ringrazio tutti coloro i quali hanno aderito al nostro appello – ha detto l’assessore Corigliano – Sono diverse decine i musei che saranno aperti gratuitamente sabato 24 novembre. La Regione è impegnata sul versante della valorizzazione dei beni e delle attività culturali e i musei sono il cuore del nostro patrimonio, custodi di autentici tesori che parlano di noi, della nostra storia e della nostra identità. Il mio apprezzamento va a tutti i professionisti che operano nei musei e che hanno accolto con entusiasmo il nostro invito. Un ringraziamento particolare va al Polo Museale della Calabria del Mibac che ha assicurato adesione allo spirito dell’iniziativa consentendo l’accesso gratuito a numerosi siti statali in Calabria”. “Questa giornata in cui i cittadini sono invitati a prendere coscienza del patrimonio culturale calabrese – sottolinea Corigliano – diventerà un appuntamento fisso ogni anno, poiché il presidente Mario Oliverio e tutta la Giunta regionale hanno inteso istituzionalizzarla anche per gli anni a venire nell’ultimo sabato di novembre”.