sabato, 25 maggio 2024

Musica, il Parto delle Nuvole Pesanti lancia il nuovo videoclip “I bambini di laggiù” (VIDEO)

Il brano tratta un tema importante: quello dei diritti negati dei bambini

immagine articolo Musica, il Parto delle Nuvole Pesanti lancia il nuovo videoclip “I bambini di laggiù” (VIDEO)

Il Parto delle Nuvole Pesanti presenta il nuovo videoclip “I bambini di laggiù”, diretto dal regista Francesco Cordio e tratto dall’ultimo album “Sottomondi”. Il brano, impreziosito dalla voce morbida e delicata della cantante Lisa Maroni, simboleggia il luogo dell’innocenza e racconta il sottomondo dell’infanzia tra abusi sessuali e bambini soldato, sfruttamento minorile e condizioni di vita degradanti che si possono trovare persino sotto casa senza andare tanto lontano. Ma la canzone è anche una preghiera, una richiesta di perdono degli adulti per le violenze fatte sui bambini.

Nel videoclip si scorge controluce il testo del brano e si coglie con maestria l’essenza del conflitto tra adulti e bambini, nella metaforica sfida tra una coppia di anziani ballerini pronti al sopruso e una di tremolanti ragazzini alla ricerca di un equilibrio della danza e del senso della vita, mentre la musica continua come sul Titanic prima di inabissarsi.

Un tema importante, quello dei diritti negati dei bambini, che ha convinto lo stesso regista a girare il videoclip tra i suggestivi vicoli medievali del piccolo comune umbro di Baschi, sede del Festival Diritti a Baschi – Human Rights International Film Festival, che si svolgerà in questo paese alle porte di Orvieto dal 4 al 7 agosto prossimi e che ospiterà la presentazione ufficiale del video nel giorno di apertura del festival, prevista per giovedì 4 agosto. L’evento sarà anche l’occasione per ascoltare la band dal vivo, per un live in quartetto elettro-acustico in cui verranno presentati gli altri brani del nuovo album Sottomondi e una carrellata di brani storici. “Tutto succede in attesa che torni l’arca di Noè…” Il video è dedicato ad Enzo Maroni, costruttore dell’Arca.

(fonte foto: YouTube – GUARDA IL VIDEO)