Cronaca Notizie Primo Piano

‘Ndrangheta, la ricostruzione degli omicidi del 1992 a Reggio Emilia

Tre arresti per due omicidi a Reggio Emilia Scritto da:

Sono Nicolino Grande Aracri, Nicolino Sarcone e Angelo Greco le tre persone arrestate questa mattina a Reggio Emilia per gli omicidi di Nicola Vasapollo e Giuseppe Ruggiero. Tutti e tre sono già detenuti per altra causa; Grande Aracri è ritenuto il capo dell’omonima cosca che opera a Cutro, Sarcone è ritenuto esponente di vertice del sodalizio ‘ndranghetistico che opera in Emilia; Greco è ritenuto capo della ‘ndrina, esistente nel torinese, distacca di San Mauro Marchesato, facente capo al locale di Cutro.

Questa la ricostruzione effettuata dagli inquirenti dei due omicidi

L’omicidio di Nicola Vasapollo

Verso le ore 12.15 del 21 settembre 1992 Nicola Vasapollo si trovava solo nell’appartamento di via Pistelli 7 in Reggio Emilia, luogo in cui era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, quando ricevette la visita di due persone armate le quali lo trucidarono con colpi di arma da fuoco. Gli assassini si allontanarono a bordo di una Fiat Uno che fu rinvenuta non molto lontano dal luogo del delitto, alle ore 22.00 dello stesso giorno. L’autovettura usata dagli assassini fu accuratamente pulita con spray per la cancellazione di ogni impronta.

L’uccisione di Giuseppe Ruggiero 

Verso le ore 3.30 del 22 ottobre 1992, una Fiat 1 riportante la scritta “Carabinieri” sulle fiancate ed il lampeggiante sul tetto entrava nel cortile della abitazione di Ruggiero Giuseppe in Brescello. Ne discendevano 2 persone vestite con l’uniforme dei Carabinieri, che, trucidarono con colpi di arma da fuoco l’uomo. L’autovettura era stata rubata poche settimane prima e fu abilmente trasformata in una gazzella dei Carabinieri per perseguire il fine spietato dell’omicidio. I due “carabinieri” altro non erano che due ‘ndranghetisti

Per questi omicidi erano già stati condannati all’ergastolo con sentenza divenuta definitiva Raffaele Dragone e Domenico Lucente.

Le indagini sono state svolte sulla scorta delle dichiarazioni di due collaboratori, Angelo Cortese e Antonio Valerio, i quali materialmente dicono di aver preso parte all’omicidio di Ruggiero. In seguito alle indagini, per quanto riguarda l’omicidio Vasapollo, Nicolino Grande Aracri è ritenuto il mandante, Nicolino Sarcone l’esecutore materiale. L’omicidio Ruggiero viene contestato a tutti e tre gli arrestati odierni.

Condividi su
0 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

Il meteo

Meteo Calabria

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com