sabato, 15 giugno 2024

Non intervennero per un incidente mortale: sospesi due vigili urbani

E' accaduto nel Reggino

immagine articolo Non intervennero per un incidente mortale: sospesi due vigili urbani

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno notificato la sospensione dai pubblici uffici per 10 mesi a due agenti della Polizia Municipale di Taurianova, indagati per omissione di atti d’ufficio.

I fatti risalgono alla mattina 6 dicembre 2023, a seguito di un incidente stradale verificatosi lungo la Circonvallazione di Taurianova, nel quale è deceduto un 52enne. L’uomo, da solo alla guida della propria autovettura, aveva perso il controllo del veicolo a causa di un malore ed aveva impattato violentemente contro un palo della luce, a pochi metri dal ciglio della strada. All’evento avevano assistito diversi testimoni e uno di questi, incrociando la pattuglia della polizia locale composta dagli indagati, aveva dato loro l’allarme.

Quanto successo dopo è stato oggetto di un’accurata ricostruzione fatta dai Carabinieri: incrociando le dichiarazioni dei testimoni con le video registrazioni delle telecamere in zona – nonché con il tracciato GPS dell’autovettura di servizio dei due vigili, riferisce una nota dell’Arma – hanno riscontrato come questi ultimi, presa conoscenza del sinistro, si erano effettivamente recati sul posto ma, una volta giunti, avrebbero proseguito avanti, omettendo totalmente di attivare la macchina dei soccorsi o di mettere in sicurezza l’arteria stradale.

L’omissione, secondo quanto sarebbe emerso dalle indagini, avrebbe comportato un notevole ritardo nell’intervento delle forze dell’ordine, tanto che, solo un’ora dopo, a seguito di una chiamata al 112, sono giunti sul posto i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, accertando il decesso del 52enne.

La ricostruzione degli investigatori avrebbe permesso di sconfessare le tesi difensive finora avanzate dai due agenti, che nel corso delle indagini hanno anche reso interrogatorio innanzi al Gip che ha adottato la misura cautelare. Il magistrato – riferisce ancora la nota dei Carabinieri – non ha infatti accettato l’argomentazione degli indagati, che affermano di non essere stati in grado, all’atto del passaggio documentato dal GPS dell’autovettura di servizio, di individuare il luogo dell’incidente. Sulla base invece degli elementi di prova sinora raccolti dalla Procura di Palmi, secondo l’ipotesi d’accusa sposata dal Gip, la macchina incidentata sarebbe stata ben visibile da entrambi i sensi di marcia, anche perché la vegetazione al bordo della carreggiata non era poi così fitta.