Province

Omicidio in spiaggia a Nicotera, si visionano le riprese della videosorveglianza

Stanno visionando le riprese delle videocamere di sorveglianza gli inquirenti che indagano sull’omicidio di ieri a Nicotera. Le telecamere potrebbero, infatti, aver ripreso l’omicida di Francesco Timpano, il 44enne ucciso ieri pomeriggio sulla spiaggia di un lido con cinque colpi di pistola. L’uomo ha agito a volto scoperto, e potrebbe essere stato immortalato anche nei momenti precedenti il delitto dalle videocamere di sorveglianza presenti nella zona.

Sul fronte delle indagini, che vedono informata anche la Dda di Catanzaro, gli inquirenti stanno anche verificando il possibile collegamento tra il delitto di ieri e la strage dell’11 maggio scorso ad opera di Francesco Giuseppe Olivieri, il 32enne ritenuto legato al clan Mancuso, che prima di uccidere nelle rispettive abitazioni Michele Valarioti e Giuseppina Mollese, aveva tentato di uccidere due dei fratelli di Francesco Timpano: Vincenzo – sparò contro la sua auto – e Pantaleone, che rimase ferito nel bar di Limbadi. Anche la vittima di ieri – come tutta la famiglia Timpano – era nella lista di morte stilata da Olivieri che a distanza di tre giorni dal raid si costituì nel carcere dei Vibo. Lo stesso Olivieri riferì al gip che “la soppressione di Francesco Timpano sarebbe dovuta servire ad impedirgli di parlare di cose illecite con soggetti esponenti di altri ambienti criminali non meglio meglio specificati”. (ANSA).

1 Condivisioni
Condividi su Whatsapp