giovedì, 13 giugno 2024

Operai travolti dal crollo di un muro sul lungomare: tre condanne

L'incidente avvenne mentre stavano eseguendo dei lavori

immagine articolo Operai travolti dal crollo di un muro sul lungomare: tre condanne

Il Tribunale di Crotone ha condannato tre persone per l’incidente sul lavoro avvenuto il 5 aprile 2018 nel cantiere del prolungamento del lungomare di Crotone, in cui persero la vita tre operai: Chiriac Dragos Petru, di 35 anni romeno, Giuseppe Greco (51 anni), e Mario De Meco (56), entrambi di Capo Rizzuto. Il giudice monocratico Assunta Palumbo ha condannato, per omicidio colposo, a quattro anni di reclusione Gennaro Cosentino, di 61 anni, rappresentante legale dell’impresa Crotonscavi titolare dei lavori, e Sergio Dinale (61), progettista dell’opera nonché direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza; tre anni di reclusione sono stati inflitti a Giuseppe Spina (48), capocantiere della ditta. Assolti Massimo Villirillo (60), dirigente e procuratore della società Crotonscavi, e Giuseppe Germinara (51), all’epoca dei fatti dirigente del Comune di Crotone e rup del procedimento. L’incidente avvenne mentre i tre operai erano intenti ad eseguire dei lavori preparatori di una palizzata che doveva sorreggere il nuovo lungomare. All’improvviso crollò il vecchio muro di sostegno che travolse i tre. Greco e Dragos morirono sul colpo, De Meco un mese dopo nell’ospedale di Catanzaro dove era stato trasferito subito dopo l’incidente.