Cronaca Europa - Mondo Notizie Primo Piano Reggio Calabria TICKERS

Operazione “Galassia”: estradato da Malta ed arrestato il latitante Antonio Ricci (VIDEO)

Nella tarda serata di ieri 17 gennaio presso l’aeroporto internazionale di Fiumicino è stata conclusa la procedura di estradizione dell’indagato Antonio Ricci, colpito da fermo di indiziato di delitto, emesso nel novembre 2018 dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, e dalla successiva Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale reggino in data 5 dicembre 2018. I provvedimenti non erano stati all’epoca eseguiti, poiché Ricci era latitante all’estero: lo stesso è stato arrestato il 20 dicembre 2019 a Malta in esecuzione del mandato di arresto europeo ed internazionale.

In ragione delle investigazioni svolte e sulla scorta dei gravi elementi indiziari raccolti, la Procura della Repubblica di Reggio Calabria – Direzione Distrettuale Antimafia, aveva disposto una misura cautelare nei confronti di 18 persone – tra i quali Antonio Ricci – nonché il sequestro preventivo di 23 società estere, 15 imprese operanti sul territorio nazionale, 33 siti nazionali e internazionali, numerosi immobili, automezzi, conti correnti italiani ed esteri e innumerevoli quote societarie per un valore complessivo stimato in oltre 723 milioni di euro.

L’indagine a suo tempo condotta aveva rilevato l’esistenza di una pluralità di associazioni per delinquere operanti sul territorio nazionale nel settore della raccolta del gioco e delle scommesse con i marchi “Plantewin365”, “Betaland” ed “Enjoybet” le quali, in rapporto con la ‘ndrangheta, da un lato avevano consentito a quest’ultima di infiltrarsi nella propria rete commerciale e di riciclare gli imponenti proventi illeciti, dall’altro avevano tratto esse stesse significativo supporto per l’ampliamento della propria rete commerciale e per la distribuzione capillare del proprio marchio sul territorio.

Sempre lo scorso mese di dicembre, il Tribunale di Reggio Calabria – Sezione Misure di Prevenzione – su richiesta della citata DDA, riconoscendo la pericolosità sociale del proposto, ha disposto l’applicazione del sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile a Ricci, cl. ’76 e al suo nucleo familiare, costituito dall’intero compendio delle società maltesi “Oia Services Limited”, “Harvey Gaming Limited” (già “GVC New Ltd”) e “Wls Limited”, operanti nel settore del “gambling” con profili di assoluta prominenza nell’intero panorama nazionale, da numerosi conti correnti italiani ed esteri e di due trust radicati a Malta, di cui uno contenente un cospicuo portafoglio finanziario, per un valore stimato in circa 400 milioni di euro.

In relazione a quanto sopra evidenziato, è stata instaurata un’interlocuzione tra l’Autorità Giudiziaria italiana e maltese che ha permesso di dare corso all’esecuzione dei provvedimenti di sequestro sui beni mobili e immobili presenti anche nel territorio maltese riferibili agli indagati permettendo, lo scorso 20 dicembre, di individuare e trarre in arresto a Malta Antonio Ricci.

10 Condivisioni