Ambiente Attualità Cosenza Natura Notizie

Parco nazionale della Sila, il ministro Costa ha nominato Francesco Curcio nuovo presidente

Dopo quasi cinque anni di gestione commissariale, che hanno visto alla guida dell’Ente dall’ottobre del 2014 al novembre del 2018 Sonia Ferrari, è stato individuato quale nuovo presidente Francesco Curcio, che ha rivestito negli ultimi otto mesi la carica di commissario straordinario. Il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sergio Costa ha sottoscritto ieri i decreti di nomina dei presidenti di cinque parchi nazionali, tra i quali il Parco nazionale della Sila.

«Si tratta di grandi professionisti che hanno dedicato la loro vita alla tutela dell’ambiente – ha dichiarato il Ministro Costa – che vengono dal mondo della società civile, persone che hanno una visione di sviluppo, di tutela e di valorizzazione di questi territori di cui ciascuno è figlio. Sono persone che sono nate e cresciute in quei territori che conoscono bene e inoltre hanno dei curricula di tutto rispetto. Parliamo di figure diverse tra loro, e tutte persone che non hanno bagagli elettoralistici». «Queste nomine – ha spiegato Costa – sono state individuate in concerto con i Presidenti delle Regioni e successivamente esaminate dalle Commissioni parlamentari. E’ stata – ha concluso il ministro Costa – una decisione frutto di un colloquio intenso e anche di una mediazione tra idee che inizialmente non collimavano, ma adesso sono molto soddisfatto perché siamo riusciti a trovare nomi di alto profilo».

Il Ministero dell’Ambiente nei giorni scorsi ha inoltre invitato i soggetti competenti (Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, ISPRA, Associazioni di protezione Ambientale e Comunità del Parco) a provvedere alla designazione dei propri rappresentanti al fine di dar luogo alla costituzione del Consiglio Direttivo del Parco. La Comunità del Parco, la cui Assemblea è stata già convocata dal presidente Nicola Belcastro per il prossimo 20 agosto, si riunirà con all’ordine del giorno l’elezione dei rappresentanti degli Enti Locali silani da designare quali membri del costituendo Consiglio Direttivo. Si prevede dunque, dopo la pausa estiva, il ripristino di un assetto ordinario di governance dell’Ente Parco, che potrà in tal modo meglio operare in direzione della tutela, della conservazione e della valorizzazione dell’enorme patrimonio naturale, storico e culturale che la Sila – Gran Bosco d’Italia e area protetta sin dal 1968 – racchiude e custodisce.

Il presidente Curcio – è scritto in una nota – ha ringraziato il Ministro dell’Ambiente per la fiducia che ha voluto accordare nei suoi confronti e per aver apprezzato e condiviso il lavoro svolto in Sila negli ultimi mesi in veste di Commissario Straordinario. La linea di indirizzo prioritaria della presidenza retta da Curcio resterà quella già intrapresa sin dal novembre dello scorso anno: prestare ascolto, dimostrare vicinanza e fornire collaborazione al territorio, agli amministratori locali, agli operatori economici ed ai cittadini del Parco, che sono i primi custodi dell’altopiano silano e che devono avere un ruolo da protagonista nei processi decisionali e gestionali dell’area protetta.

6 Condivisioni