Cronaca Crotone Italia Notizie TICKERS

Parma, sequestrati beni per oltre 13 milioni ad imprenditore del Crotonese vicino a cosca di ‘ndrangheta

Operazione portata a termine da Polizia e Guardia di Finanza Scritto da:

La Polizia di Stato e la Guardia di Finanza di Parma hanno eseguito un decreto di sequestro di beni mobili, immobili e societari, nonché di conti correnti tutti riconducibili ad un imprenditore 53enne originario della provincia di Crotone, ma operante ormai da anni nel territorio della provincia di Parma in diversi settori della vita produttiva, con interessi prevalenti nell’impiantistica industriale. Titolare e socio di numerose imprese aventi un ingente volume d’affari, in larga parte radicate in Emilia Romagna, l’uomo era punto di riferimento della consorteria ‘ndranghetistica cirotana, tanto da divenire ad essa organica. Lo stesso risulta sostanzialmente assumere il ruolo di finanziatore del sodalizio mafioso, mettendo a disposizione dell’organizzazione criminale, per il perseguimento degli interessi del sodalizio, le proprie risorse economiche e attività imprenditoriali, assumendo altresì all’interno delle proprie aziende persone selezionale dal “direttorio” della cosca, ciò anche allo scopo di “proteggere” l’attività imprenditoriale da pressioni eversive di altri clan. Il sequestro riguarda diversi e innumerevoli beni, tra i quali una ventina di immobili a Parma, alcuni a Riccione e all’Isola d’Elba, numerosi terreni e immobili a Crucoli – nel Crotonese – società e quote di partecipazioni societarie, a Parma e in provincia di Crotone, conti correnti bancari, autovetture e motoveicoli per un valore complessivo che supera i 13 milioni di euro.

Condividi su Whatsapp
0 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA