Attualità Notizie Politica Primo Piano

Pd Calabria: un commissario per il Congresso, ma segretario e organismi restano in carica

L'assemblea regionale del Pd
2 Condivisioni

Un commissario ad acta per il Pd Calabrese, che per la fase congressuale affiancherà con pieni poteri la Commissione regionale del Congresso, assumendone la presidenza. Ma nessun commissariamento per segreteria e organismi dirigenti, che restano in carica. La comunicazione, a firma di Gianni Dal Moro, è stata indirizzata al segretario regionale del Partito democratico Ernesto Magorno, e chiarisce (in attesa di rivelare il nome del commissario ad acta) che “tutti gli organismi dirigenti regionali del partito ancora in carica, ivi compreso il segretario regionale, resteranno in carica fino all’elezione dei nuovi corrispondenti organismi e nessuna forma di commissariamento, pertanto, riguarda il Segretario e l’Unione regionale della regione, che rimangono nel pieno della legittimità”.

Nella stessa nota Dal Moro comunica che “la Direzione nazionale ha stabilito che lo svolgimento del Congresso in Calabria è posticipato ed è pertanto abbinato alle fasi del Congresso nazionale (convenzioni e primarie)”. Questo perché, pur essendo stato fissato l’obbligo di “concludere i Congressi regionali, di Federazione e di Circolo previsti nello stesso Regolamento, entro e non oltre il mese di dicembre 2018”, in Calabria “non è ancora stato fissato il termine per la presentazione delle candidature a Segretario regionale”. Di qui la decisione di “evitare una doppia chiamata alle urne di iscritti ed elettori a pochi mesi di distanza delle due tornate congressuali, regionale e nazionale”.