sabato, 18 maggio 2024

Picchia moglie e suocera, e lancia suppellettili dal balcone di casa

Arrestato ieri sera un 40enne dai Carabinieri

immagine articolo Picchia moglie e suocera, e lancia suppellettili dal balcone di casa

I Carabinieri di Cariati e Corigliano Rossano hanno arrestato un 40enne, di origini brasiliane, con l’accusa di «maltrattamenti in famiglia» e «resistenza a Pubblico Ufficiale». La vicenda – riferisce una nota dell’Arma – è iniziata ieri sera con una richiesta di aiuto al 112, attraverso la quale la moglie dell’uomo ha segnalato di essere stata picchiata e costretta ad uscire dalla casa con i suoi tre figli minori. Stessa sorte è toccata alla madre della donna, che ha riportato delle lesioni lievi negli attimi concitati vissuti poco prima.

Sul posto i primi militari giunti si sono sincerati circa le condizioni di salute delle due donne e dei bambini, mentre l’uomo – in preda ad un raptus di follia – ha continuato a gettare tutte le suppellettili della propria abitazione da un balcone del secondo piano. Gli operatori presenti sul posto hanno deciso di fermare l’interessato il prima possibile, anche per scongiurare il pericolo aggiunto di possibili derive autolesionistiche.

Una volta effettuata l’irruzione nell’abitazione, l’uomo è stato fermato con l’utilizzo dei taser. Le condizioni di salute del 40enne fermato sono state valutate, sul posto, dai medici del 118, che erano stati fatti intervenire in previsione dell’utilizzo della pistola ad impulsi elettrici. Sulla scorta degli elementi probatori raccolti, il 40enne è stato arrestato nella flagranza dei reati di «maltrattamenti in famiglia» e «resistenza a Pubblico Ufficiale» e, per questa ragione, ristretto in carcere, dove rimarrà a disposizione dei Magistrati della Procura di Castrovillari.