Attualità Crotone Notizie Primo Piano

“Poche prenotazioni”, e Flyservus cancella i voli dal S. Anna

“Caro passeggero,sfortunatamente dobbiamo informarti che il tuo volo che hai prenotato con noi non sarà effettuato”. Doccia fredda, ma in fondo neanche troppo,  per chi aveva realmente creduto nella riapertura dell’aeroporto Sant’Anna di Crotone ai voli di linea. Flyservus,  la compagnia aerea che dall’8 gennaio fino alla fine  di marzo avrebbe dovuto volare da e per Crotone, ha di fatto annullato tutti i voli, inviando a chi aveva prenotato una e-mail di disdetta.
“Nonostante il fatto che la nostra azienda e Sacal abbiano speso molti soldi per promuovere il nuovo servizio di Crotone, nessuno sembra essere interessato a questa nuova offerta. Negli ultimi 30 giorni abbiamo avuto solo 47 prenotazioni. Pertanto, la nostra direzione e i proprietari hanno deciso di avviare il nuovo servizio solo il 26.3.2018
Il denaro che hai pagato per il tuo biglietto è già stato restituito tramite PayPal. Speriamo di darvi il benvenuto nella primavera 2018 su uno dei nostri aerei”. La firma è:
Assistenza clienti /Customer Information
Common Sky A & N Luftfahrt Gmbh
trading as FLYSERVUS
Schwechat, Austria

Da Crotone, dunque, non si vola perché manca la richiesta, è il succo di quanto scrive Flyservus. La risposta dell’utenza non è stata sufficientemente rapida ed entusiasta secondo la compagnia, che ha tolto dal sito la possibilità di prenotare un qualsiasi biglietto.

Premesso che ora sarebbe logica e auspicabile una presa di posizione ufficiale di Sacal, la società che gestisce i tre aeroporti della Calabria e che con Flyservus ha siglato un accordo, qualche domanda sorge spontanea. Per esempio, visto che la prenotazione con largo anticipo non porta nessun beneficio economico (i prezzi su Crotone sono fissi), perché mai un utente dovrebbe affannarsi a prenotare a dicembre per marzo proprio su Crotone? Perché farlo su Crotone se, invece, prenotando su Lamezia si risparmia moltissimo? Non è chiaro che se si può volare per le stesse destinazioni spendendo meno della metà si preferisce volare da Lamezia? O è proprio questo il punto?

E ancora…se le tariffe non aiutano, ancor meno aiutavano le modalità di prenotazione. Sul sito ufficiale dell’aeroporto S. Anna non è mai stata attivata la procedura di prenotazione diretta. Le prenotazioni erano possibili solo sul sito di Flyservus, al quale però non si veniva indirizzati in alcun modo chiaro. E anche il sito di Flyservus in quanto a chiarezza e interattività non agevolava certo gli utenti. L’impressione, insomma, è che non sia stato fatto nulla per togliere agli scettici ogni dubbio, anzi… Mai una esposizione ufficiale di Sacal, una conferenza stampa della “compagnia” aerea; solo informazioni sommarie e spesso ambigue e contraddittorie, a partire dal piano industriale di Sacal per il S. Anna. Chi sarebbe disposto a “scommettere” su un volo scaturito da una situazione così poco chiara? Tant’è che quelli che lo hanno fatto…sono rimasti a piedi.

E, appunto, è normale lasciare a piedi a una settimana dal volo i cittadini che hanno prenotato? È sufficiente restituire loro i soldi? E se avevano organizzato il loro lavoro, o magari qualche visita medica, in funzione di quel volo?

 

28 Condivisioni