Cronaca Crotone Notizie Primo Piano Sanità TICKERS

Psicosi da Coronavirus: a Crotone maxi rifornimenti nei supermarket

Beni di prima necessità, gel igenizzanti per le mani e mascherine per la bocca sono i beni più acquistati

E’ stata una giornata particolare quella trascorsa, e l’augurio è che le successive siano meno intense, con più sale in zucca da parte delle persone: è ormai sfociata la psicosi da Coronavirus. I social sono letteralmente impazziti con il passare delle ore, “grazie” anche al rimbalzare di notizie – al momento – prive di qualsiasi fondamento che riportavano due casi del citato virus nel Crotonese, audio Whatsapp che hanno fatto il giro di centinaia chat, di smartphone in smartphone, che hanno avuto solo il pregio di far andare ancora di più in confusione le persone. Come è stato dichiarato dai rappresentanti medici ed istituzionali, in Calabria non ci sono casi di Coronavirus.

Ma la vita reale non è da meno: nei supermercati è corsa al rifornimento, neanche fossimo in uno stato d’allerta rossa. Gente con carrelli della spesa pieni fino all’orlo, cassette d’acqua come se ci si stesse preparando ad affrontare il deserto arido, code ai banconi. Insomma, quello che si è registrato è un numero di clienti ed acquisti superiori alle normali giornate, e questo, da un certo punto di vista, non può che far bene all’economia cittadina. Il problema, se così lo si può definire, è la situazione psicologica che sta pervadendo la gente: ripetiamo, in Calabria non sono stati registrati casi di Coronavirus, dunque è bene affrontare questa situazione con maggiore calma, senza farsi prendere la mano.

Due, in particolare, i beni che sono andati letteralmente a ruba, ovvero le boccette di gel igenizzante disinfettante per le mani, e le mascherine per proteggere la bocca: a quanto appreso da un noto negozio per casalinghi in centro a Crotone, già da questa mattina alle 8 lo stesso si è trovato la ressa di clienti fuori che volevano acquistare i due beni appena citati, il tutto si è ripetuto durante la giornata, e le scorte sono finite – come lo sono, a quanto appreso, anche in alcune farmacie ed in vari supermercati sia del centro che di periferia – tant’è che si è reso necessario appendere vari cartelli all’esterno ed all’interno, che specificavano l’assenza di gel e mascherine.

E’ bene ricordarlo un’ultima volta: in Calabria non vi sono al momento casi di Coronavirus, e la situazione viene monitorata costantemente dalle istituzioni preposte.

Giuseppe Laratta

100 Condivisioni
Condividi su Whatsapp