Catanzaro Cronaca Notizie

“Quarta chiave”, Gratteri: “Non ci possono essere luoghi fuori dal controllo dello Stato”

Scritto da: REDAZIONE

Non possono esserci luoghi ‘franchi’, fuori dal controllo dello Stato; luoghi in cui  qualcuno si sente autorizzato a fare ciò che vuole. Così Nicola Gratteri, procuratore di Catanzaro, a proposito dell’operazione “Quarta chiave”, che questa mattina ha portato all’arresto di 29 persone per un traffico di rifiuti illeciti all’interno del campo Rom di contrada Scordovillo, a Lamezia Terme. “È un reato importante, perché l’indagine nasce da quell’incendio spaventoso nel 2019 che ha messo in ginocchio Lamezia, un incendio che ha inquinato l’aria in modo pesante, anche con diossina. Qui ci sono ettari di terreno inquinati in maniera irreversibile, e questo tipo di inquinamento provoca tumori, problemi alle vie respiratorie e inquina le acque che andiamo a bere”.

“Qui bisogna intervenire sul piano giudiziario, e la pubblica amministrazione deve intervenire anche sul piano sociale. Ma ognuno deve finirla di fare la vittima: tutti hanno bisogno di una casa, di istruzione, e non è possibile che siccome sono rom, non devono rispettare le regole. Ci sono tanti modi per guadagnarsi da vivere senza andare a rubare. Non ci sono alibi per nessuno, si tratta di gente che in modo scientifico viola la legge sapendo di farlo; e pensano che nessuno li disturbi perché si sentono padroni di un territorio, di uno spazio, che però è dell’intera città di Lamezia Terme”.

Condividi su Whatsapp
9 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA