Catanzaro Notizie Politica Primo Piano

Quel “No a Salvini” di Daniele Rossi, i suoi “brividi” antileghisti e il ruolo di consulente di Nino Spirlì alla Regione

Scritto da:

Con due distinti articoli pubblicati rispettivamente il 24 febbraio 2021 e il 26 febbraio 2021 il “Corriere della Calabria” ha sollevato un caso Daniele Rossi. Nel primo articolo, intitolato «Daniele Rossi “rema” insieme a Spirlì. Il presidente della Camera di Commercio di Catanzaro dall’antipolitica (e anti Salvini) alla Cittadella: è diventato un consulente del governatore», la testata diretta da Paola Militano parafrasa il nome dato dallo stesso Rossi al suo movimento: “La Calabria che rema” e dà la notizia di un incarico di consulenza ricevuto dal presidente facente funzioni Nino Spirlì, esponente della Lega. Nello stesso servizio si fa riferimento a una lunga dichiarazione rilasciata da Daniele Rossi nel luglio del 2015, nella quale lo stesso lanciava un duro attacco politico al leader della Lega, Matteo Salvini. Il testo dell’attacco politico, sotto forma di lettera aperta, è ancora interamente leggibile sulla testata giornalistica “Il Lametino”, sotto il titolo «Daniele Rossi: “No a Salvini, ma politica calabrese ha fallito». Traccia di quello che molto probabilmente è lo stesso contenuto, c’è anche sul sito ufficiale di Daniele Rossi, sotto un titolo identico a quello de “Il Lametino” e con stessa data del 3 luglio 2015 (si veda fotografia che correda questo servizio). Sul sito di Daniele Rossi, però, ricco di riferimenti alla sua vita lavorativa e ai suoi “pensieri spettinati” non c’è più traccia, a oggi, del contenuto. Che il contenuto non sia mai stato pubblicato pare improbabile, in quanto non avrebbe avuto senso il solo titolo, peraltro ripetuto due volte, corredato di fotografia dello stesso Daniele Rossi ambientata in un soleggiato deserto di sabbia. A osservare l’immagine pare di poter intuire uno scenario extracomunitario. Non è dato sapere, allo stato delle conoscenze, quando sul sito ufficiale di Daniele Rossi il contenuto non sia stato più reso leggibile. Il “Corriere della Calabria” ritorna sull’argomento a due giorni di distanza dal primo servizio, con un altro articolo intitolato «I costi del palazzo. La Cittadella sborsa 5mila euro al mese per il consulente “antipolitica”. Gli incroci tra i tre ruoli di Rossi. Il vecchio scontro tra Camera di Commercio e Regione. E la poltrona nel Cda di Sacal». La Sacal è la società che gestisce i tre aeroporti calabresi. Tutte le fonti citate sono riassunte in fondo a questo articolo, con relativi link.

Citiamo ora da “Il Lametino” un passaggio significativo e politicamente duro dedicato da Daniele Rossi a Matteo Salvini, leader della Lega: «Ho assistito all’incontro di Catanzaro con Matteo Salvini, su invito del sindacato di polizia che ha organizzato il dibattito. Non perché condividessi qualcosa del leader leghista. Ma per capire, per farmi un’idea più precisa di un uomo politico nazionale che impazza in tv e sui giornali. Un giovane esponente politico che ha fatto degli eccessi e delle provocazioni la chiave del suo successo. Dico subito che di lui non condivido nulla: come giovane, come calabrese, come cittadino, mi vengono i brividi al solo pensare che il nostro Paese possa essere un giorno governato da uomini politici così». Una frase quasi interamente riportata nel citato primo articolo del “Corriere della Calabria”. Evidentissima la mancanza di feeling, datata luglio 2015, tra Daniele Rossi e Matteo Salvini: “Non perché condividessi qualcosa del leader leghista”; “Un giovane esponente politico che ha fatto degli eccessi e delle provocazioni la chiave del suo successo”; “Dico subito che di lui non condivido nulla”; “Mi vengono i brividi al solo pensare che il nostro Paese possa essere un giorno governato da uomini politici così”. Forse in questi anni in cui Daniele Rossi ha avuto ruoli sempre più impegnativi i “brividi” antileghisti e antisalviniani sono nel frattempo passati, tanto da arrivare ad essere consulente del presidente facente funzioni della Regione, il leghista Nino Spirlì. Non che una consulenza ben retribuita debba necessariamente significare che Daniele Rossi dovrebbe avvertire gli stessi sentimenti politici di Nino Spirlì nei confronti del leader della Lega Matteo Salvini. Anche i consulenti, nonostante il rapporto diretto e fiduciario che si crea con chi la consulenza decreta, hanno il sacrosanto diritto di pensarla come vogliono. Comunque le frasi pronunciate nel luglio 2015 un senso ce l’hanno e forse qualche aggiornamento dialettico (magari anche una pura conferma) richiederebbero. Né si nega ad alcuno il diritto di cambiare, eventualmente ed anche radicalmente, opinioni politiche, peraltro in un quinquennio circa: cosa questa legittima, quanto anche diffusa.

L’opinione pubblica potrebbe essere interessata a capire se Daniele Rossi rispetto al luglio 2015 ha mutato idea, totalmente o parzialmente, su Matteo Salvini e sulla Lega. E quindi capire se i “brividi” del luglio 2015 nei confronti di un possibile ruolo di governo nazionale da parte di Matteo Salvini stesso, ministro dell’Interno dopo le elezioni del 2018 e oggi fondamentale sostenitore del governo Draghi, siano del tutto passati. E ancora, se i vecchi “brividi” valessero solo per la politica nazionale o anche per quella regionale, visto che Nino Spirlì è un dirigente calabrese della Lega. Esponendosi al sole, può anche darsi, i brividi possono passare, e quindi la diversa latitudine fra Milano, Roma e Germaneto potrebbe forse aver determinato condizioni diverse. Rispetto alla latitudine, però, c’è un’evidente incongruità: il “No a Salvini” pubblicato sul sito ufficiale di Daniele Rossi è accompagnato da un’immagine fotografica che parla di sabbia desertica e quindi di sole e calore. Sì, d’accordo, nel deserto c’è escursione termica tra giorno e notte, però l’immagine è stata scattata in pieno sole. Insomma, solo il diretto interessato potrebbe chiarire in via definitiva se i “brividi” antileghisti e antisalviniani del 2015 siano ancora tali o meno. Si potrebbero così comprendere e chiarire tante cose: se Nino Spirlì conoscendo i sentimenti politici anti-Lega e anti-Salvini di Daniele Rossi abbia voluto comunque dimostrare che le consulenze non tengono conto delle libere opinioni politiche degli interessati; se Daniele Rossi ha cambiato idea su Salvini e sulla Lega; se l’opinione negativa che Daniele Rossi ha della Lega e di Salvini vale solo per il livello nazionale e non anche per la Calabria.

Altro argomento sul quale riflettere, che interessa la dimensione pubblica, è quello relativo agli ormai numerosi incarichi ricevuti da Daniele Rossi, già presidente di Confindustria Catanzaro, all’indomani della sua uscita operativa dall’azienda di famiglia. Argomento degno di un’altra specifica puntata e sul quale il “Corriere della Calabria” si è in parte già soffermato.

FONTI INTERNET CONSULTABILI

Articolo su Daniele Rossi del Corriere della Calabria, 24.02.21:
https://www.corrieredellacalabria.it/2021/02/24/daniele-rossi-rema-insieme-a-spirli/

Articolo su Daniele Rossi del Corriere della Calabria, 26.02.21:
https://www.corrieredellacalabria.it/2021/02/26/la-cittadella-sborsa-5mila-euro-al-mese-per-il-consulente-antipolitica/

Articolo su Daniele Rossi che critica fortemente Salvini su “Il Lametino” (3 luglio 2015):
http://www.lametino.it/Calabria/daniele-rossi-no-a-salvini-ma-politica-calabrese-ha-fallito.html

Testo di Daniele Rossi su Matteo Salvini, link del sito ufficiale di Daniele Rossi (3 luglio 2015):
https://www.danielerossi.com/2015/07/03/daniele-rossi-no-a-salvini-ma-politica-calabrese-ha-fallito/

Condividi su Whatsapp
4 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA