CAPRICCIOTV - Io Scelgo Calabria Crotone Cultura Foto del giorno Io scelgo Calabria Notizie TICKERS Video

Recuperata sul mercato nero, torna a Crotone l’antica museruola in bronzo di Vigna nuova

Il Museo archeologico di Crotone si è arricchito di un nuovo tesoro. Un pezzo unico nel suo genere, che racconta i fasti di una città nel pieno del suo fulgore. Si tratta di una preziosa museruola in bronzo per cavallo risalente al IV secolo avanti Cristo, parte delle offerte votive più prestigiose ritrovate nel santuario dedicato ad Hera in località Vigna nuova. Dopo il ritrovamento, avvenuto nel corso di scavi clandestini effettuati alla fine degli anni 70, il prezioso manufatto si perse tra i meandri del mercato nero, fino a finire nella collezione privata di un appassionato di manufatti antichi legati all’equitazione. Esposta al pubblico in una mostra allestita a Travagliato (in provincia di Brescia) nel 2015, fu riconosciuta e sequestrata dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, che si erano messi sulle sue tracce dopo la pubblicazione di una nota corredata da fotografie e disegni in appendice ad un convegno su Hera a Lille, in Francia.

Assegnata al museo archeologico di Crotone, dopo un lungo restauro oggi è tornata visibile a tutti, patrimonio finalmente comune e fulcro di una mostra intitolata “Il cavallo, compagno di viaggio”, nell’ambito del progetto Vide, viaggio dell’emozione.

Ciò che la rende unica, spiega il direttore del museo Gregorio Aversa, è la sua decorazione. Si tratta, infatti, di un pezzo ornamentale di pregiata fattura, presumibilmente fatto indossare ai cavalli nelle grandi occasioni, ma che a differenza di altre museruole simili ritrovate nell’area del Mediterraneo è decorato con un’iconografia tutt’altro che consueta. Sul davanti è raffigurato Eracle bambino che strozza con le mani la coppia di serpenti inviati da Hera per ucciderlo nella culla. Sui lati, invece, ci sono due guerrieri con scudo e armi, che si affrontano tra loro.

Una vera e propria opera d’arte, realizzata più di 2300 anni fa, i cui delicati e preziosi decori dall’evidente richiamo mitologico servirono pure – con tutta probabilità – a rappresentare tutta la ricchezza e l’importanza della famiglia che la commissionò

11 Condivisioni
Condividi su Whatsapp