Ambiente Cosenza Cronaca Notizie

Reflui sversati nel fiume Crati, in sei a giudizio per l’operazione “Cloaca maxima”

Sei persone sono state rinviate a giudizio nell’ambito dell’operazione “Cloaca Maxima” . Sono accusati di reati ambientali, vale a dire di avere sversato liquami direttamente nel fiume Crati. Si tratta di Vincenzo Cerrone direttore dell’impianto Coda di Volpe, e degli operai Dionigi Fiorita, Giovanni Provenzano, Annunziato Tenuta, Rosario Volpentesta e Eugenio Valentini. Secondo l’accusa avrebbero inquinato le acque del Crati e ne avrebbero alterato l’ecosistema sversando direttamente nel corso d’acqua liquami non depurati, attraverso il bypass a monte del depuratore.

11 Condivisioni