Catanzaro Notizie Politica TICKERS

Regionali, Cesa (UDC) a Lamezia: «Lavoro e sanità le priorità della Calabria»

«Jole Santelli può rappresentare davvero una svolta per questa regione. Noi vogliamo essere all’interno di questa coalizione il partito della concretezza, del buonsenso che serve, il partito che non rincorre i sondaggi d’opinione ma che cerca di affrontare i problemi di questa regione». Sono le parole del segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, intervenuto a Lamezia Terme alla presentazione delle liste a supporto della candidata unitaria del centrodestra alle Regionali. «Bisogna dare una sanità al servizio del cittadino – ha affermato il segretario – la salute viene prima di ogni cosa, lo si può fare, ci sono le risorse per farlo. Chiaramente bisogna dare un taglio agli sprechi: basta con la politica dei commissariamenti che portano solo alla chiusura di strutture sanitarie che poi vengono abbandonate, quando invece potrebbero essere convertite in Rsa (residenze sanitarie assistenziale n.d.r.). E’ inaccettabile che la Regione Calabria spenda 160 milioni di euro l’anno di rimborso alle altre regioni, perchè la gente va a curarsi altrove: dobbiamo e possiamo fare una sanità d’eccellenza. Solo Roma è piena di primari che provengono da questa regione: se ci fossero delle strutture sanitarie all’altezza, attrezzate, tornerebbero sicuramente a fare il loro mestiere in questa regione. Questo è quello che dobbiamo fare».

«La priorità delle priorità in questa regione è la questione del lavoro – ha affermato Cesa – la Calabria ha il 54% di disoccupazione giovanile, e il 24% di disoccupazione in generale, quando a livello nazionale siamo sotto il 10%. Il problema del lavoro non si risolve con le false promesse, così com’è stato fatto negli anni passati, si risolve facendo, utilizzando le risorse, avendo una squadra di gente che sia in condizione di farlo. Quindi, sburocratizzare la Regione, togliere i freni che ci sono in molti settori, e cercare di ammodernare questa regione facendo opere, dando una mano al settore agricolo, dell’artigianato, facendo partire le start-up, aiutando i giovani».

29 Condivisioni