Attualità Notizie Politica Primo Piano TICKERS

Regionali, Irto ritira la candidatura a presidente: «Non ci sono le condizioni, l’ho scritto a Letta»

Scritto da: REDAZIONE

“Per mesi ho lavorato al mio programma di governo per cambiare la Calabria, coinvolgendo giovani, società civile, imprenditori, mondo universitario. Adesso, però, ho dovuto prendere atto che non ci sono le condizioni per andare avanti e l’ho scritto ad Enrico Letta”. Lo ha dichiarato con un post su Facebook l’attuale consigliere regionale del Partito Democratico Nicola Irto, annunciando il ritiro dalla corsa per le elezioni Regionali che lo hanno visto candidato alla presidenza. Le motivazioni Irto le ha illustrate in un’intervista rilasciata a L’Espresso: «Appare di continuo una volontà di mettere in discussione le decisioni prese da molto tempo dal partito democratico calabrese e dagli alleati di centrosinistra: ma continuando a perdere tempo si lascia terreno alla destra e a De Magistris. Rinuncio quindi all’incarico e chiedo a Enrico Letta di trovare una soluzione per non continuare a svilire la dignità degli elettori e dei militanti del Pd in Calabria».
«Ho visto stallo e tatticismo – ha dichiarato Irto nell’intervista – e ho anche visto che c’è un trasversalismo, in pezzi del centrosinistra calabrese, dovuto ad interessi comuni con pezzi del centrodestra. Ho steso un programma in questi mesi, l’ho condiviso con il vero motore della regione: studenti, imprenditori, terzo settore, professionisti. Sarebbe stato bello concentrarsi su questo. Ma nessuno vuol discutere di contenuti: solo di tattica, credendo di prendere un voto in più. E intendiamoci: allargare la coalizione è una cosa giusta e intelligente, ma non possiamo condannarci a muoverci con il bilancino. La Calabria ha bisogno di iniziare a correre verso il futuro, con un governo chiaro che provi a realizzare ciò che dice».
Pochi giorni fa, lo stesso Nicola Irto si era detto favorevole alle primarie per la scelta del candidato alla presidenza della Regione: «Ho dato subito la mia disponibilità. Ma ad oggi siamo fermi pure su quello, anche le forze a sinistra del Pd tentennano: ma è inaccettabile perdere altro tempo e credibilità per mediare sulle primarie. E non stiamo neanche parlando di una coalizione omogenea sul territorio nazionale: tutt’altro, mi pare».
Condividi su Whatsapp
6 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA