martedì, 25 giugno 2024

Restituita alla comunità la chiesa di Santa Lucia degli Artisti

Ad inaugurare il nuovo corso della parrocchia, il concerto dell’orchestra sinfonica “La nuova Verdi”

immagine articolo Restituita alla comunità la chiesa di Santa Lucia degli Artisti

E’ stata restituita ai cittadini la Chiesa di Santa Lucia, annessa all’ospedale di Taurianova, dopo un’importante opera di restauro, che l’ha resa “centro vibrante di creatività e di spiritualità”. Da oggi è denominata anche Chiesa “degli Artisti”. Dopo il taglio del nastro e la benedizione impartita da Mons. Giuseppe Alberti, vescovo della Diocesi Oppido M.- Palmi, il parroco don Cesare Di Leo ha voluto riconoscere la “paternità” dell’idea al direttore artistico dell’evento Cettina Nicolosi – presidente del Conservatorio “Francesco Cilea” di Reggio Calabria e docente di Musica d’insieme per fiati e direzione d’orchestra presso il Conservatorio di Nocera Terinese – che, dopo aver proposto l’iniziativa, ha dato inizio a tutte le attività necessarie per ristrutturare la cappella, con la preziosa collaborazione dell’imprenditore Natale Princi e della poliedrica artista Carmelita Caruso, rendendola “più bella e fruibile, destinata ad essere non soltanto luogo di funzioni religiose, ma anche di eventi artistici, sacri e culturali religiosi”.

Ha aperto e condotto la cerimonia di inaugurazione, il noto presentatore Domenico Milani che, con consueta simpatia, ha presentato l’orchestra sinfonica “La nuova Verdi”, diretta dai maestri Andrea Francesco Calabrese, docente di Armonia al Cilea di Reggio Calabria, e dalla stessa prof.ssa Nicolosi. Con il brano “Ave Maria” di Giulio Caccini, cantato dal soprano Cristina Alviano, ha avuto inizio il concerto dal nutrito repertorio. Tra gli ospiti il cantautore taurianovese Domenico Barreca e il fisarmonicista M° Lorenzo Albanese.

Il vescovo Alberti ha definito l’evento un segno di speranza e fiducia, per il presente e per il futuro. “La chiesa – dichiara – dev’essere aperta e non chiusa, non solo perché si apre una porta, ma perché il grande progetto evangelico di nostro Signore Gesù Cristo vuole che sia fatta di persone aperte agli altri, riconoscendoli fratelli e capaci di costruire insieme una società migliore, più giusta, più fraterna. La Chiesa non è disincarnata dalla realtà, ma è dentro la storia degli uomini, quindi, in dialogo con tutte le realtà belle che possono far crescere le persone da tutti i punti di vista. Una Chiesa sempre aperta, non solo nelle porte, ma anche negli atteggiamenti e nei cuori”.

Don Cesare, ricordando lo scritto del card. Ratzinger “la bellezza salverà il mondo”, ha omaggiato Cettina Nicolosi di una pergamena per il merito di tanta bellezza, essendosi spesa in prima persona per il restauro. La Prof.ssa Nicolosi ne ha fatto dedica a tutti coloro che, a vario titolo, hanno contribuito a restituire la Cappella alla comunità, grazie al “lavoro di squadra” a cui hanno preso parte l’imprenditore Natale Princi, sempre pronto a collaborare con generosa energia, e Carmelita Caruso, per i preziosi decori. Ha, inoltre, presentato il Concorso Nazionale “Armonie Mediterranee”, tenutosi a Taurianova: una “tre giorni”, da venerdì 17 a domenica 19 maggio, che ha visto protagonisti più di 400 giovani musicisti provenienti da tutta Italia.

Altra pergamena anche a Carmelita Caruso – “per aver contribuito artisticamente durante il lavoro di restauro all’abbellimento della Chiesa di Santa Lucia, oggi anche “degli Artisti”, con efficaci decori che offrono alla nostra vista il senso del bello e del sacro” – e a Natale Princi, “che è stato emotivamente coinvolto, contribuendo materialmente al restauro di questo luogo di culto tanto caro ai taurianovesi che, oggi, grazie alla sua collaborazione, diventa Chiesa degli Artisti”.

Princi – ha ancora evidenziato Don Cesare – “si offre con generosità per tanti eventi culturali calabresi e, da ultimo, si è avventurato nel restauro della casa di Leonida Repaci di Palmi, dove si farà un museo. È Direttore Artistico e promotore del Memorial Mino Reitano, quest’anno alla settima edizione e per la prima volta realizzata a Palmi. È donatore dello Cippo della Varia di Palmi, Patrimonio dell’UNESCO, di cui è Direttore artistico.” Milani ha ringraziato tutti i presenti e i musicisti che hanno allietato la serata.