Catanzaro Cronaca Italia Notizie Primo Piano TICKERS Vibo Valentia

“Rinascita-Scott”, Gratteri in Commissione Antimafia: «Costruite l’aula bunker a Catanzaro»

Il procuratore della Repubblica ha ripercorso le varie fasi di confronto con il Ministero della Giustizia e ha proposto un luogo dove potrebbe sorgere l'aula Scritto da:

Il procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, è stato ascoltato oggi pomeriggio in Commissione Parlamentare Antimafia. Al centro dell’audizione la richiesta di uno spazio idoneo per il distretto di Catanzaro, che riesca a far celebrare il processo derivante dall’operazione “Rinascita-Scott”, che – come noto – lo scorso 19 dicembre ha colpito la cosca di ‘ndrangheta dei Mancuso di Limbadi. La richiesta di un’aula bunker, che riesca ad ospitare 475 imputati, 230 avvocati e 205 parti offese – a quanto riferito dal magistrato calabrese durante un excursus degli ultimi mesi – è pervenuta al Ministero della Giustizia sin dal marzo 2019, allorquando il presidente della Corte d’Appello di Catanzaro ha formalmente richiesto uno spazio idoneo per contenere almeno 500 persone. La prima convocazione – ha spiegato Gratteri in commissione antimafia – è avvenuta a Roma lo scorso 8 gennaio, dove in quella occasione il procuratore ha chiesto l’utilizzo della tendostruttura usata durante le varie udienze del processo “Aemilia” a Reggio Emilia: la richiesta ha avuto dai tecnici del Ministero esito negativo, poiché sulla stessa potrebbero lanciare una bomba con un drone.

Le conferenze a Roma per la richiesta di uno spazio, o di un’aula bunker, proseguono il 16 gennaio, il 28 gennaio, il 10 febbraio e il 28 febbraio. A gennaio la proposta che arriva dalla DDA di Catanzaro è quella di poter utilizzare il PalaMaiata di Vibo Valentia, palazzetto dello sport di proprietà della Provincia, nel quale gioca la squadra di pallavolo Volley Tonno Callipo, ma anche questa richiesta al Ministero non viene evasa positivamente. Lo stesso dicastero annuncia al Distretto catanzarese che, non essendoci strutture idonee, bisognerà cambiare città: o Palermo, o Napoli, o Roma. Per Gratteri, il non poter celebrare il processo dove è stato commesso il reato, rappresenta «una sconfitta per lo Stato». Tra l’altro, nei vari sopralluoghi effettuati dal magistrato con i tecnici del ministero, erano stati visti anche spazi all’interno del carcere di Siano e di Vibo Valentia.

Due giorni fa, lo stesso procuratore capo ha avuto un incontro con il ministro Alfonso Bonafede, nel quale sono stati ripercorsi i vari step e le varie richieste da un anno a questa parte. «Nelle ultime 48 ore – ha dichiarato Gratteri alla Commissione – si è scatenato il putiferio al Ministero: è stata convocata la Protezione Civile, la quale potrebbe montare una tendostruttura all’interno del carcere di Siano, come avevamo richiesto noi l’8 gennaio, per celebrare l’udienza preliminare. Avantieri ho fatto il giro dei palazzetti sportivi con il sindaco di Catanzaro Abramo, e ce n’è uno idoneo dietro lo stadio comunale. Ce n’è uno che mi convince, situato dietro il Tribunale dei Minori, ed è un campo da calcio mai usato dove è presente una struttura del Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria n.d.r.) con aule mai utilizzate, sedie e scrivanie ancora con la plastica, ci sono bagni, la rete è cablata, ci sono le fognature: qui potrebbe sorgere un’aula bunker stabile».

«Preferisco – ha concluso Nicola Gratteri in audizione – una tendostruttura al carcere di Siano per affrontare “Rinascita-Scott”, la prima udienza a fine luglio, ma la cosa importante è che un minuto dopo si incominci a lavorare alla costruzione dell’aula bunker definitiva, dietro il Tribunale dei Minori di via Paglia a Catanzaro».

G.L.

Condividi su
  •  
13 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA