Attualità Crotone Economia e Lavoro Notizie Primo Piano TICKERS

Royalties, tavolo al Comune di Crotone: arrivano le proposte, ma rimane lo stato d’agitazione dei pescatori

Non hanno trovato la quadra i rappresentanti delle marinerie ed istituzionali: entrambi, però, sono d'accordo sulla modifica dell'Accordo del 2017 Scritto da: GIUSEPPE LARATTA

Si è tenuto oggi pomeriggio nel palazzo comunale pitagorico, l’incontro tra una delegazione delle marinerie del Crotonese e i sindaci degli otto comuni interessati dalle royalties: per Crotone erano presenti il sindaco Vincenzo Voce e gli assessori Ilario Sorgiovanni e Luca Bossi, per Crucoli il delegato Tonino Ciccopiedi, per Cirò Marina il sindaco Sergio Ferrari con l’assessore Pietro Mercuri e il consigliere Cataldo Sicilia, per Cirò il sindaco Francesco Paletta, per Strongoli il sindaco Sergio Bruno, per Cutro il delegato Faga, per Isola Capo Rizzuto l’assessore Salvatore Friio ed il consigliere Andrea Liò; nessun rappresentante per il Comune di Melissa.

Da parte dei rappresentanti dei Comuni è stata unanime la proposta di modifica dell’Accordo Quadro di Programma del 2017 – con il quale Eni paga le royalties agli enti comunali per darle ai pescatori quale indennizzo per il mancato pescato – ma prima è necessario interessare il Consiglio Regionale per modificare la legge regionale n°13/2005: va prevista la possibilità del ristoro alla marineria per la riduzione delle attività di pesca, ma le stesse somme di ristoro devono essere erogate direttamente alla marineria senza passare dalle casse degli otto Comuni. Gli unici dubbi rimangono la tempistica di questo intervento a Palazzo Campanella – considerato che in autunno i calabresi torneranno a votare – e il nuovo accordo che bisognerà, comunque, siglare ad inizio 2022.

I rappresentanti dei pescatori non sono stati molto convinti di quanto emerso dall’incontro odierno, poiché è stato nuovamente interlocutorio e non decisivo per la causa, ed inoltre hanno criticato l’assenza di alcuni sindaci poiché i delegati non hanno potere decisionale nel momento in cui sono emerse le proposte. A loro detta non sono d’accordo sul percorso legislativo sopra citato, non sono interessati a cambiare la legge, ma devono essere promotori i sindaci ed i rappresentanti istituzionali sul cambio della normativa. I pescatori si sono presentati all’incontro di oggi pomeriggio con delle proposte: una bozza di protocollo d’intesa per disciplinare la posizione dei sindaci beneficiari di royalties, affinchè sia recepito nell’Aqp del 2022; per il passato, invece – considerato che è dal 2014 che i pescatori non percepiscono i ristori – sono d’accordo sul cambiare l’Accordo di Programma, ma senza passare dal Consiglio Regionale come proposto dai sindaci, visto che lo stesso documento prevede la sua modifica. In tutto questo, il Comune di Crotone non ha ricevuto due annualità.

In tutto ciò, rimane alta l’attenzione sulla problematica: i pescatori non hanno sciolto lo stato d’agitazione e continueranno la protesta. Non è escluso che faranno una mobilitazione proprio a Melissa, nei prossimi giorni, unico Comune assente alla riunione di oggi pomeriggio.

Condividi su Whatsapp
10 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA