Notizie Politica Primo Piano

Salvini in Calabria per gli stati generali della Lega: verificherà di persona quali siano i giudizi sull’operato di Spirlì alla Regione

Tante questioni politiche sul tappeto, a partire dalle recenti espulsioni di Crotone. Chi saranno i candidati alle Regionali considerato anche il probabile calo di consensi? Quale futuro per il deputato Furgiuele? Scritto da: REDAZIONE

Matteo Salvini scende di nuovo in Calabria. Il leader della Lega parteciperà agli stati generali in programma a Zambrone da oggi pomeriggio a domenica. Matteo Salvini ascolterà i dirigenti di partito e uno degli argomenti principali sarà senz’altro il giudizio politico sull’operato del facente funzioni Nino Spirlì. Salvini potrà verificare di persona quali e quanti siano i giudizi negativi sull’azione politica di Spirlì, sulla mancata svolta di governo alla Regione Calabria, sul modo in cui sono state affrontate tante questioni dirimenti come quelle delle nomine e degli incarichi, pur in una dimensione di gestione ordinaria. Nomine e incarichi, un lungo elenco che meriterà senz’altro un esame politico approfondito e dettagliato.
Il voto dei Calabresi alla Lega è giunto, nelle tornate elettorali delle europee e delle regionali, soprattutto come segno di fiducia e di speranza per svolte reali nel governo della Calabria. Matteo Salvini, leader senz’altro attento, avrà modo di chiedere ai suoi dirigenti locali se queste svolte ci siano state o meno, se le attese della popolazione e degli elettori abbiano avuto risposte positive o meno. Gli osservatori della politica regionale immaginano che ormai l’attenzione delusa dell’elettorato di centrodestra sia rivolta verso Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia, con consistenti ritorni di attenzione anche verso Forza Italia. Il lungo periodo di interregno di Nino Spirlì, dovuto all’emergenza Covid, ha inaspettatamente bollato come leghista quest’ultima esperienza di governo della Regione Calabria, nonostante la stessa fosse nata sotto le bandiere di Forza Italia. Il giudizio degli elettori sarà quindi sulla Lega e soprattutto su Matteo Salvini che ancora non ha preso le distanze politiche dalla deludente performance di Nino Spirlì, né si sa se lo farà o meno. Il centinaio di dirigenti locali della Lega calabrese presenti a Zambrone avrà modo, nei tre giorni degli stati generali, di interloquire con i massimi vertici del partito: tra i presenti, infatti, c’è anche il vice segretario nazionale Andrea Crippa, in genere molto attento alle dinamiche della Lega al Sud.
Il segretario regionale Giacomo Saccomano dovrà gestire politicamente qualche passaggio politicamente delicato. Il modo in cui il commissario provinciale di Crotone, nonché presidente della Sorical, Cataldo Calabretta, ha affrontato l’espulsione di Giancarlo Cerrelli e Marisa Luana Cavallo è ormai ampiamente finita sulla stampa e sui social. Giancarlo Cerrelli, ex coordinatore provinciale di Crotone, è stato anche candidato alla Camera (collegio uninominale della città pitagorica) e alle europee. Marisa Luana Cavallo è consigliere comunale Lega a Crotone. Entrambi hanno spiegato pubblicamente le loro ragioni e si sono appellati al rispetto dello Statuto del partito, essendo peraltro entrambi militanti effettivi. Altre situazioni connesse alla vita della Lega in Calabria, non emerse sulla stampa, sono comunque all’ordine del giorno ed emergeranno molto probabilmente nel corso dei colloqui previsti a Zambrone.
In riferimento agli stati generali del partito, organizzati dal segretario regionale Saccomanno, si è notata una presenza importante, messa in luce anche dai comunicati stampa ufficiali, del parlamentare lametino Domenico Furgiuele. La Calabria andrà alle urne alla fine dell’estate per eleggere il Nuovo Consiglio regionale, ma inevitabilmente pensa anche alle prossime elezioni politiche. Considerata la riduzione del numero dei parlamentari, la Calabria avrà un solo collegio proporzionale per la Camera anziché due e uno per il Senato, per cui ci sarà spazio solo per due capilista, forse un uomo e una donna. Sarà confermata fiducia al parlamentare uscente Domenico Furgiuele o ci sono pretendenti che incalzano, magari provenienti da altre province quali Reggio Calabria e Cosenza? Il partito regionale avrà voce in questo ambito o deciderà tutto autonomamente il leader Matteo Salvini?
Ci sarà da capire, inoltre, chi saranno i candidati alle prossime elezioni regionali. Gli uscenti sono quattro. Con il probabile (alcuni dicono scontato) calo di consensi della Lega ci sarà spazio per tutti? In quali delle tre circoscrizioni elettorali scatterà il quorum: a Reggio, a Catanzaro o a Cosenza? Quali sono gli umori dei quattro consiglieri regionali uscenti rispetto all’azione politica di Nino Spirlì? Cosa diranno i quattro consiglieri uscenti a Matteo Salvini e ad Andrea Crippa?
Tanta carne al fuoco, quindi. L’appuntamento di Zambrone sarà senz’altro politicamente caldo!

Condividi su Whatsapp
17 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA