giovedì, 13 giugno 2024

Sanità, Occhiuto: «Finalmente il Cup regionale unico online anche in Calabria»

immagine articolo Sanità, Occhiuto: «Finalmente il Cup regionale unico online anche in Calabria»

«Finalmente anche in Calabria, da oggi, abbiamo il Centro unico delle prenotazioni, il cosiddetto Cup, online. Un unico Cup per tutta la Regione. Una cosa normalissima in tanti altri territori d’Italia, ma che da noi non era mai stato fatto». Lo ha dichiarato in una nota il presidente della Regione, nonchè commissario al rientro sanitario, Roberto Occhiuto. «Fino a questo momento ogni Azienda sanitaria provinciale e ogni Azienda ospedaliera aveva un proprio sistema di prenotazione autonomo, non integrato, con prestazioni denominate in modo diverso, e che avevano addirittura tariffe differenti da territorio a territorio: un vero disastro. Adesso abbiamo voltato pagina, e messo ordine nella confusione creata in decenni di immobilismo. Abbiamo creato un catalogo regionale unico delle prestazioni sanitarie».

«L’utente – spiega Occhiuto – collegandosi al portale unico o usando l’apposita App ‘CUP Calabria’ (scaricabile sul proprio smartphone), potrà visionare tutte le prestazioni erogate su tutto il territorio regionale. Un cittadino di Catanzaro, ad esempio, potrà facilmente prenotare una visita anche a Cosenza o a Reggio, usando un’unica piattaforma digitale. Questo è il Cup unico regionale: una grande semplificazione. In questo momento sono state già caricate tutte le prestazioni sanitarie disponibili nelle province di Reggio Calabria e di Cosenza, e dell’Asp di Catanzaro.
Il 25 settembre avremo quelle dell’Asp di Crotone; entro fine ottobre quelle della Dulbecco; a novembre quelle dell’Asp di Vibo Valentia. Già da oggi i cittadini calabresi potranno prenotare e pagare le proprie visite utilizzando un’unica piattaforma dal pc o dallo smartphone; allo stesso tempo continueranno a rimanere operativi i Cup fisici e i call center per chi volesse continuare ad usufruire dei canali tradizionali. Sembra poco, nella marea di problemi che ha la nostra sanità, ma abbiamo compiuto un bel passo verso la normalità».