Attualità Calcio Crotone Notizie Serie A Sport TICKERS

SERIE A | Calcio, grande beffa per il Crotone: la Lazio strappa i tre punti nei minuti finali

Una sconfitta che non umilia e forse rafforza le certezze di una squadra che sembra completamente cambiata Scritto da:

Che il Crotone potesse uscire sconfitto all’Olimpico contro la Lazio era nella normalità delle cose. Che lo facesse fra i rimpianti era inimmaginabile anche solo pochi giorni fa. Forse è troppo tardi, ma da quando è arrivato Serse Cosmi sembra che i rossoblu abbiano ritrovato piglio, autostima e coraggio: per avere la meglio la Lazio deve aspettare fino a 6′ dalla fine, e la rete decisiva matura molto casualmente e dopo che Rispoli, sul 2-2 ed a meno di un quarto d’ora dalla fine, si divora la clamorosa opportunità del vantaggio dopo che per due volte Simy (una dal dischetto) aveva riacciuffato il pari (reti biancocelesti di Milinkovic e Luis Alberto). Contrariamente a quanto si è visto fino alla trasferta di Bergamo, appena nove giorni fa, il Crotone sembra trasformato: più attento quando ripiega ed in fase difensiva, più compatto fra i reparti, finalmente in fiducia. Certo, poi c’è la differenza di tasso tecnico ma la rete che sblocca il confronto è frutto di una distrazione della retroguardia che lascia solo Milinkovic Savic sul secondo palo sul cross tagliato di Radu. Il Cotone ha il merito di non disunirsi ed al 29′ inventa letteralmente l’1-1 liberandosi di Acerbi e battendo Reina con un destro potente dal limite. A sei minuti dall’intervallo, però, uno stop svogliato da Immobile, opaco ma anche ben controllato, diventa un assist per Luis Alberto che calcia a fil di palo e riporta in vantaggio i capitolini. Il Crotone rimette subito le cose a posto dopo 4′ della ripresa: Fares commette fallo su Messias e dal dischetto Simy spiazza Reina mettendo a segno la dodicesima rete stagionale, rafforzando il record di miglior marcatore della storia rossoblu e giungendo ad un solo gol da Falcinelli, miglior cannoniere rossoblu in serie A con 13 centri. La Lazio fa fatica, ci vuole la mezzora perchè costruisca una vera palla-gol con Milinkovic Savic che, da buona posizione, di testa manda a lato. Inzaghi cambia l’attacco, Muriqi e Caicedo per Immobile e Correa, ma al 32′ su un meraviglioso lancio di Ounas è Rispoli, a tu per tu, con Reina a divorarsi il vantaggio calciando addosso al portiere spagnolo. Cordaz salva su Milinkovic ma all’84’ Caicedo si trova sulla traiettoria di un tiro dai trenta metri di Escalante e, da dentro l’area, stoppa e calcia di potenza sotto la traversa. Una beffa, ma anche una sconfitta che non umilia e forse rafforza le certezze di una squadra che sembra completamente cambiata. E che dà fiato a chi sosteneva che il cambio in panchina si dovesse fare molto tempo fa.

Francesco Sibilla

Condividi su Whatsapp
1 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA