Calcio Notizie Serie B Sport

Serie B. Festeggia il Cosenza, affonda il Crotone

Perugia-Cosenza 0-1

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Rosi, Gyomber, Cremonesi, Felicioli; Moscati, Bianco (31′ st Falzerano), Kouan; Vido; Han (21′ st Sadiq), Melchiorri. A disp.: Bizzarri, Perilli, Mazzocchi, Sgarbi, Ranocchia, Carraro, Bordin. All. Nesta

COSENZA (3-5-1-1): Perina; Capela, Dermaku, Legittimo; Bittante, Bruccini, Palmiero (23′ st Garritano), Sciaudone (45′ st Schetino), D’Orazio; Mungo; Litteri (41′ st Izco). A disp.: Saracco, Sueva, Misuri, Hristov. All. Braglia

ARBITRO: Prontera di Bologna (Margani – Raspollini).

MARCATORI: 17′ Bruccini rig.

NOTE: Giornata soleggiata ma fredda e ventilata. Presenti sugli spalti circa 900 tifosi rossoblù. Ammoniti: Gyomber (P), D’Orazio (C), Mungo (C). Espulso: al 46′ st Dermaku (C). Angoli: 5-5 (pt 2-3). Recupero: 1′ pt; 5′ st.

 

Grazie ad un calcio di rigore trasformato da Bruccini il Cosenza di Piero Braglia porta a casa un successo importantissimo mettendo un’ipoteca sulla salvezza e tirandosi fuori dalla zona “pericolosa” della classifica. «Tutte le partite sono importanti per una squadra che si vuole salvare – sono state le parole del tecnico silano pronunciate in sala stampa pochi minuti fa – Avendo molti assenti, siamo stati costretti ad impostare la partita come facevamo l’anno scorso. Ci è andata bene perchè nel primo tempo abbiamo sfruttato il vento a favore, abbiamo avuto un paio di buone occasioni. In definitiva ce la siamo meritata. Il Cosenza deve saper gestire il suo campionato, che sarà fatto anche di momenti difficili che arriveranno prima o poi. Questo è tutto fieno in cascina, non possiamo iniziare a pensare ai playoff altrimenti chiediamo troppo al gruppo, che sta facendo quello che può fare. Quando saremo salvi, se ci sarà ancora qualche partita a disposizione, penseremo al da farsi ma adesso non ha senso».

 

Brescia-Crotone 2-0

BRESCIA: Alfonso; Sabelli, Romagnoli, Cistana, Semprini; Bisoli, Tonali, Ndoj (92′ Gastaldello); Spalek; Tremolada (68’ Donnarumma), Morosini (84’ Dall’Oglio). A disp.: Andrenacci (GK), Martinelli, Lancini, Cortesi, Viviani. All. Corini
CROTONE: Cordaz; Sampirisi, Spolli, Golemic, Marchizza (82’ Milić); Molina, Benali, Gomelt; (66’ Barberis); Rohden; Pettinari, Mraz (67’ Machach). A disp.: Festa, Curado, Cuomo, Firenze, Kargbo, Zanellato, Vaisanen, Simy, Valietti. All. Stroppa
ARBITRO: Ros di Pordenone
MARCATORI: 80’ aut. Molina, 95′ Donnarumma
AMMONITI: 17’ Cistana (B), 34’ Romagnoli (B), 37’ Semprini (B), 38’ Sabelli (B), 62’ Marchizza (C), 75’ Benali (C)
ESPULSO: 81’ Machach (C)

Percorso opposto per il Crotone che proprio non riesce a quest’anno a portare la fortuna dalla sua parte. Ci mettono del loro gli squali per lasciare i punti al Rigamonti. La prima rete è un autogol di Molina sugli sviluppi di un calcio di punizione. Sul gol non mancano le responsabilità di Cordaz e di Machach, autore del fallo da cui è scaturito il calcio piazzato e che nello stesso episodio è stato espulso lasciando la squadra in dieci.

0 Condivisioni
Condividi su Whatsapp