Province

Serie B: la Calabria sorride a metà, il Crotone batte il Foggia, a Cosenza ancora polemiche

Il Crotone non sbaglia il debutto in campionato allo Scida e batte con un sonoro 4-1 il Foggia, storico “nemico” della tifoseria rossoblù. Quattro grandissimi gol per la formazione di mister Stroppa che va a segno con Faraoni, Firenze, Rodhen e Nalini. Gli ospiti siglano il gol della bandiera al 93′, su rigore con Mazzeo. Una ingenuità, il fallo da rigore di Faraoni, che il tecnico Stroppa ha rimproverato ai suoi a fine partita. «Non possiamo cullarci pensando di avere già il risultato in tasca – ha detto l’allenatore del Crotone – dobbiamo mantenere la concentrazione fino alla fine».

«Il risultato di oggi vale doppio – ha poi proseguito Stroppa – perché non era facile vincere contro una squadra forte e soprattutto fare una grande partita davanti al nostro pubblico dopo la sconfitta di Padova».

A proposito dei tifosi: il Crotone ha comunicato ieri il dato sugli abbonamenti, 3773 tessere già vendute. Numeri importanti dopo la difficile estate vissuta. «Tocca a noi riportare i tifosi allo stadio. E’ stata un’estate difficile – ha concluso Stroppa – la retrocessione, la serie A che non ci hanno concesso, lo stadio. Non era facile».

Intanto a Cosenza continuano le polemiche per la gara con il Verona non disputata sabato a causa delle cattive condizioni del terreno di gioco. Sia la società che il sindaco Occhiuto hanno diffuso dei comunicati stampa per difendere la propria posizione, ribadendo di aver ricevuto tutte le rassicurazioni necessarie, prima della gara, sulle condizioni del manto erboso, poi non ritenuto adeguato dall’arbitro Piscopo.

Per quella gara erano stati venduti 8.419 biglietti per i quali non ci sono ancora notizie certe sul possibile rimborso. Si aspetta anche eventuale ricorso della società silana sulla decisione dell’arbitro, prima della sentenza del giudice sportivo.

4 Condivisioni
Condividi su Whatsapp