martedì, 25 giugno 2024

Sissy Trovato, il Sindacato di Polizia Penitenziaria organizza una manifestazione: «Vogliamo verità»

immagine articolo Sissy Trovato, il Sindacato di Polizia Penitenziaria organizza una manifestazione: «Vogliamo verità»

«Noi non ci rassegniamo e vogliamo la verità sulla morte della nostra collega penitenziaria Sissy Trovato Mazza». A sostenerlo è il segretario generale del SPP (Sindacato Polizia Penitenziaria) Aldo Di Giacomo annunciando una manifestazione per giovedì 29 agosto a Roma, alle ore 10, davanti la sede del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria. Sono trascorsi oltre due anni da quando Sissy venne ritrovata in ospedale a Venezia con una ferita alla testa ed è passato più di un anno da quando il Ministero di Grazia e Giustizia annunciò l’impegno ad accelerare le indagini per dare notizie certe e trasparenti a noi e alla famiglia, ma purtroppo non è accaduto nulla. Il pm aveva chiesto l’archiviazione dell’inchiesta sul tentato omicidio, rigettata dal gip dopo l’opposizione della famiglia, che ha chiesto e ottenuto ulteriori indagini su diversi punti: “Lista delle celle al quale era agganciato il cellulare, il dna sull’arma, il computer inattivo, l’assenza di sangue sulla parte finale della pistola, le denunce per il presunto traffico di stupefacenti all’interno del carcere, oltre alla vita privata e sociale”. Secondo quanto riporta la nota del sindacato, persino dopo l’autopsia i numerosi interrogativi sulla morte di Sissy rimasta vittima di un episodio alquanto inquietante all’interno dell’ascensore dell’ospedale civile di Venezia non hanno risposte. Un proiettile l’aveva raggiunta lasciandola agonizzante e in coma per due anni prima di morire nel mese di gennaio scorso. Da allora la Procura sta ancora indagando quel colpo dalla pistola di ordinanza di Sissy, ritrovata senza impronte. Proprio questa possibilità, collegata ad altri elementi investigativi, ha permesso di scacciare l’ipotesi di un gesto suicida. Una tesi inizialmente rilanciata dalla stampa in prima battuta e a lungo vagliata dalla Procura di Venezia come sola pista possibile.

«Per questo riprendiamo la mobilitazione e chiediamo di riaccendere l’attenzione da parte dell’opinione pubblica sulla vicenda Sissy. Per noi – afferma Di Giacomo – questo, purtroppo, è solo un caso del totale disinteresse del Governo e della politica sulle condizioni di lavoro e di vita del personale penitenziario e sull’emergenza del sistema penitenziario. Alla politica affaccendata nella ricerca di un nuovo governo inviamo un messaggio: non vogliamo essere oggetto di manovre propagandistiche e per dimostrarlo continuiamo la campagna “Noi le vittime Loro i carnefici” che ci ha visto impegnati in questa stagione estiva in sit-in e manifestazioni davanti gran parte delle carceri del Paese. La tutela del personale penitenziario prima di tutto».