domenica, 14 luglio 2024

Sistema idrico, Occhiuto: “Affidata a Sorical la gestione di acquedotti e adduttori calabresi”

Il presidente della Regione ha incontrato alla Cittadella 400 sindaci per fare il punto della situazione sull'attività del gestore unico integrato

immagine articolo Sistema idrico, Occhiuto: “Affidata a Sorical la gestione di acquedotti e adduttori calabresi”

“In pochi mesi abbiamo fatto quello che in dieci anni hanno cercato di fare tutti senza riuscirci: acquisito le quote vincendo le resistenze tedesche, posto fuori dalla liquidazione Sorical, affidato a Sorical il compito di essere il soggetto unico del sistema integrato delle acque calabresi”. Lo ha detto il presidente della Regione, Roberto Occhiuto, a margine della riunione sul gestore idrico unico integrato che questa mattina ha visto protagonisti alla Cittadella 400 sindaci calabresi. “Oggi siamo con i sindaci a raccolta – ha aggiunto Occhiuto – perché loro e i Comuni che rappresentano sono fondamentali per fare in modo che la nostra regione che è ricchissima di acqua possa averla in tutte le case, perché è assurdo che si patisca la siccità quando ce n’è in abbondanza. Ciò che facciamo noi come Regione necessita del contributo dei Comuni e ciò che i Comuni fanno necessita di una Regione che si assuma le proprie responsabilità anche quelle che in passato non si era assunta”. Alla riunione hanno preso parte anche i vertici di Sorical, che diventerà una partecipata, quindi “il braccio destro di tutti i Comuni, con i quali bisogna fare squadra”, ha detto il direttore generale di Sorical, Giovanni paolo Marati. “Saper affrontare in modo opportuno tutte le progettazione e le realizzazioni degli interventi – ha sostenuto Marati – e quindi incrementare il livello di investimenti sul territorio che attualmente è molto basso. La media europea ha superato gli 80 euro abitante annui, la gestione in economia del sud del paese è al di sotto dei 10 euro per abitante annui. Questa situazione è insostenibile perché significa che il livello del servizio continua a deteriorarsi invece che migliorare. Siccome mi pare che la Regione Calabria abbia il dovere di garantire alle generazioni future un servizio migliore è necessario iniziare a fare investimenti per migliorare lo stato delle infrastrutture, ridurre le perdite e migliorare il livello del servizio per i cittadini”.