giovedì, 13 giugno 2024

Terremoto al Comune di Catanzaro: il sindaco azzera la Giunta dopo le dimissioni dell’assessore allo Sport

immagine articolo Terremoto al Comune di Catanzaro: il sindaco azzera la Giunta dopo le dimissioni dell’assessore allo Sport

“Sarei insincero se dicessi che la lettera di dimissioni dell’assessore Cosentino, con le sue considerazioni profonde e non banali, mi ha lasciato indifferente. Lo spessore dell’uomo e del dirigente sportivo è tale che ogni sua parola merita di essere soppesata. Capisco fino in fondo la sua delusione per non avere avuto le condizioni migliori per portare avanti il suo progetto di rilancio dello sport cittadino, anche se personalmente ritengo che egli abbia fatto il possibile per migliorare la situazione dell’impiantistica sportiva”. E’ quanto afferma il sindaco di Catanzaro Nicola Fiorita commentando le dimissioni dell’assessore comunale allo Sport Antonio Cosentino. Il componente della Giunta Fiorita ha rassegnato le dimissioni questa mattina, ad una settimana dalla dimissioni dell’assessore alle Politiche sociali Venturino Lazzaro. In una lettera indirizzata al sindaco, Cosentino annuncia di “rassegnare in maniera definitiva ed irrevocabile le mie dimissioni” motivando le proprie decisioni con il fatto che “non ci sono più le condizioni e a questo punto dubito che ci siano mai state, per continuare a far parte di questa amministrazione”. “Da non politico – afferma Cosentino – quando ho accettato questo incarico l’ho fatto credendo realmente in un cambiamento, in una forma di governo che avrebbe ascoltato le esigenze degli sportivi, dei cittadini ed avrebbe lavorato solo ed esclusivamente per il benessere della nostra città e delle esigenze del mondo dello sport lontana da condizionamenti partitici. Ho dato fiducia a questa idea di governo con la volontà di mettermi in gioco e di prestare l’esperienza maturata nei tanti anni dedicati allo sport per apportare, da cittadino catanzarese, il mio contributo, ma purtroppo con il tempo questa idea si è andata a snaturare avvicinandosi sempre più alle logiche di partito e politiche e facendo venire meno la mia vocazione originaria. Nonostante tutto – prosegue – ho continuato a lavorare con le poche risorse messe a disposizione del mio assessorato facendo il meglio che si potesse fare e di questo devo ringraziare fortemente i dipendenti, con i quali si è instaurato un sincero rapporto di stima e fitta collaborazione e le strutture tecniche ed amministrative che hanno sempre avallato le mie esigenze”. L’assessore dimissionario ringrazia “i componenti del Consiglio comunale ed i miei colleghi assessori con i quali abbiamo provato a fare squadra, come si addice ai veri sportivi” e sempre rivolgendosi al sindaco agiunge che “tuttavia alcune logiche politiche non appartengono alla mia cultura e pur non comprendendole fino in fondo, ti ringrazio per la fiducia accordatami, ma faccio un passo indietro e rassegno le mie dimissioni con la convinzione che saranno utili per la crescita del mondo dello sport nella mia città”.

Non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino, il quale ha deciso, appunto, che fosse arrivato il momento di fare un passo indietro e rivedere i componenti del suo esecutivo. “Nino Cosentino, arrivato ai vertici dello sport italiano – aggiunge Fiorita – è un uomo che pretende sempre il meglio da sé stesso e dalla sua squadra. Io gli sono grato per avere sposato il mio progetto e per avere accettato di fare parte di questa esperienza, arricchendola con la sua prestigiosa presenza. Così come ho fatto all’indomani delle dimissioni dell’assessore Lazzaro, voglio solo ricordare che una verifica generale della Giunta, il famoso ‘tagliando’ che avevo annunciato alla presentazione dell’Esecutivo, doveva prescindere da situazioni o valutazioni personali. Tutta la Giunta si deve considerare ‘azzerata’. Il raggiungimento della stabilità politica, purtroppo non conseguita alle elezioni, impone dei prezzi da pagare e di questo sono pronto ad assumermi pienamente le responsabilità, senza ipocrisie e senza nascondermi dietro un dito. L’interesse della Città viene prima di tutto e credo che oggi Catanzaro, assediata da varie emergenze sociali ed economiche, abbia bisogno di un governo retto da una maggioranza più solida e definita”. “Io penso, e lo dico davvero senza ipocrisia – sottolinea il sindaco di Catanzaro – che Nino Cosentino resti sempre e comunque un faro per il mondo dello sport cittadino, dall’alto delle sue capacità, della sua competenza e della sua esperienza. Il suo straordinario amore per Catanzaro mi fa sperare che non ci farà mancare la sua amicizia e il suo contributo”.