mercoledì, 17 aprile 2024

Trovata una nuova specie marina nel porto di Gioia Tauro

Si tratta della Mesanthura romulea ed è stata individuata grazie alle indagini di Arpacal

immagine articolo Trovata una nuova specie marina nel porto di Gioia Tauro

Nel fondo duro delle acque del porto di Gioia Tauro è stata trovata per la prima volta una nuova specie marina, grazie alle indagini al microscopio eseguite da Costanza Lauria – tecnico esperta di monitoraggio degli ambienti acquatici – durante le attività della strategia marina attuate da Arpacal attraverso il Centro Regionale.

Si tratta di un piccolo crostaceo, di provenienza australiana, con un corpo che appare simile a quello di un gambero stretto, lungo circa 1 millimetro costituito da cinque segmenti con estese chiazze dorsali, da marrone a marrone scuro, e una macchia a forma di farfalla sul sesto segmento. La presenza del genere Mesanthura nei mari italiani è stata riportata già nel 2009 nei porti di Taranto e Salerno, nel 2011 nell’isola d’Ischia e nel 2017 in Liguria. Il primo ritrovamento della specie nel fondo duro delle acque del porto di Gioia Tauro è una conseguenza del trasporto di navi mercantili.

Il ritrovamento e la segnalazione della nuova specie non indigena (NIS) rientra in una specifica attività della strategia marina finalizzata, tra le altre azioni a tutela del mare, ad osservare la presenza di NIS per salvaguardare l’equilibrio della biodiversità marina. Si stima, infatti, che nel Mediterraneo ci siano almeno 837 specie non indigene, il 5% della biodiversità totale (20% per i pesci): una ricchezza specifica 10 volte superiore alla media.

In questo contesto, ARPA Calabria ha focalizzato le sue attività di monitoraggio delle NIS sul Porto di Gioia Tauro, tra i più importanti d’Italia per flusso di merci. Al fine di rilevare l’effettivo apporto di specie non indigene ai preesistenti popolamenti, il Centro Regionale di Strategia Marina dell’Arapacal indaga le comunità bentoniche, fitoplanctoniche e zooplanctoniche. Il sistema di osservazione Specie Marine Aliene è principalmente finalizzato per le attività di osservazione, monitoraggio e per valutare la presenza e l’impatto delle specie marine aliene nel Mediterraneo. La segnalazione della specie Mesanthura romulea, rientra negli obblighi a condividere dati ed informazioni utili per gli esperti ed addetti ai lavori che si occupano della specifica tematica a supporto di attività istituzionali, quali principalmente la Direttiva Quadro Strategia Marina, per preservare la biodiversità dei nostri mari da invasioni biologiche di organismi bentonici che possono richiedere azioni mirate per il contenimento.