venerdì, 14 giugno 2024

Una raccolta fondi per riportare Soumayla Sacko in Mali

immagine articolo Una raccolta fondi per riportare Soumayla Sacko in Mali

“L’Unione Sindacale di Base promuove una campagna di crowdfunding per sostenere le mobilitazioni, le spese legali e il trasporto della salma in Mali di Soumaila Sacko, il sindacalista ucciso a colpi di fucile la sera del 2 giugno in Calabria”. Lo riferisce un comunicato della sigla sindacale della quale il giovane lavoratore originario del Mali era attivista. “Il sindacato – è detto nel comunicato – invita tutte le persone, le associazioni e i movimenti che hanno espresso indignazione per il vile assassinio, a sostenere questa campagna perché, è scritto nell’appello pubblicato sulla piattaforma Gofundme, ‘la solidarietà è l’unica arma che noi abbiamo a disposizione contro i vigliacchi, i razzisti e la violenza”. I fondi raccolti verranno utilizzati per l’assistenza legale alla famiglia di Soumaila Sacko, il rientro in Mali della salma e per sostenere le lotte dei braccianti di Rosarno e di tutti gli sfruttati invisibili dei campi, a partire dalle due manifestazioni convocate il 16 giugno a Roma e il 23 giugno a Reggio Calabria”. “Abbiamo lanciato questa campagna – afferma Aboubakar Soumahoro dell’esecutivo nazionale Usb e portavoce dei lavoratori agricoli – perché vogliamo e dobbiamo onorare la memoria di Soumaila, rilanciando la lotta dei dannati della terra, di chi si spezza la schiena per pochi euro al giorno e ha deciso di non chinare più la testa contro le prepotenze, i caporali e lo sfruttamento. Ci rivolgiamo ai sinceramente democratici, agli antirazzisti, a quella parte dell’Italia solidale: basta ghetti, basta sfruttamento, basta morire come cani”.