Appuntamenti Attualità Crotone Cultura Notizie TICKERS Video

“Una vita in gioco”: presentata la seconda edizione della borsa di studio dedicata a Dodò Gabriele (VIDEO)

Seconda edizione della borsa di studio dedicata a Dodò Gabriele, giovanissima vittima innocente di ‘ndrangheta ferita a morte il 25 giugno del 2009 a Crotone, quando aveva appena 11 anni, in un agguato che si consumò sui campi di calcetto sui quali stava giocando. Si tratta di un concorso dedicato alle scuole per continuare a ricordare Domenico, ma legando la sua memoria ad un impegno concreto.

“Conoscere la storia di Dodò potrà aiutare i nostri ragazzi a scegliere da quale parte stare”. È racchiuso in questa frase di Giovanni Gabriele il senso più profondo della borsa di studio intitolata a suo figlio Domenico, giovanissima vittima innocente di mafia. La seconda edizione del concorso di idee riservato agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della provincia di Crotone è stata presentata presso il Tribunale di Crotone. Un luogo fortemente simbolico, ha affermato Giovanni Gabriele, perché è in queste aule che si conosce la verità, che si ottiene la giustizia; quelle che noi e Domenico abbiamo avuto.

La borsa di studio “Una vita in gioco” nasce da un protocollo d’intesa siglato tra l’associazione “Dodò Gabriele”, Cgil Calabria, Ordine degli avvocati di Crotone e Ufficio scolastico regionale. Si propone di tenere viva la memoria di Dodò Gabriele, ferito il 25 giugno del 2009 a Crotone e morto tre mesi dopo ad appena 11 anni, vittima innocente di un agguato di ‘ndrangheta che si consumò sui campi di calcetto di Margherita. E di ricordarlo in modo costruttivo: in alcuni incontri preparatori il racconto della sua storia sarà legato ai temi della partecipazione civile, della coscienza sociale, della cultura della legalità. Per dare alla memoria un significato più profondo

17 Condivisioni