domenica, 21 luglio 2024

Università: il Coruc apre alla possibilità di tre nuovi corsi a Crotone

Si tratta di Medicina e Chirurgia, Infermieristica e Fisioterapia; il rettore dell'UMG ha ricevuto il mandato di effettuare approfondimenti in merito

immagine articolo Università: il Coruc apre alla possibilità di tre nuovi corsi a Crotone

Si è riunito questa mattina, presso la Cittadella regionale di Catanzaro, il Comitato dei rettori delle Università calabresi (Coruc): erano presenti il rettore dell’Università ”Magna Graecia” di Catanzaro, Giovanbattista De Sarro, il rettore dell’Università della Calabria di Cosenza, Nicola Leone, il rettore dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, Giuseppe Zimbalatti, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e i rappresentanti degli studenti, Nazzareno Zaccaria dell’Unical ed Emanuele Scigliano dell’Umg. È quanto si legge in una nota diramata dall’Ufficio stampa della Regione Calabria al termine dell’odierna riunione del Comitato dei rettori delle Università calabresi.

Sul tavolo la discussione in merito alla possibilità di avviare, tramite una collaborazione tra Umg e Link Campus University, l’attivazione di tre nuovi corsi di laurea – in Medicina e Chirurgia, in Infermieristica, e in Fisioterapia – nella città di Crotone.

Il Comitato dei rettori calabresi ha condiviso l’obiettivo di dotare anche la città di Crotone di importanti corsi di laurea in materie sanitarie – senza trascurare l’Università di Reggio Calabria ed il suo territorio -, per seminare nuove competenze e professionalità in un momento storico nel quale viene avvertita, tanto in Calabria quanto nel resto del Paese, una preoccupante carenza di personale medico e specializzato proprio nelle professioni sanitarie.

Il Coruc ha deciso di esplorare tale possibilità, dando mandato al rettore dell’Università “Magna Graecia”, Giovanbattista De Sarro, di effettuare ulteriori approfondimenti, anche in relazione al fatto che si ritiene opportuno avere come capofila, in sede amministrativa, un’Università pubblica. Il Coruc valuterà la proposta, nel complesso dell’offerta formativa regionale, in una prossima seduta.