giovedì, 25 luglio 2024

Va a processo Michele Oppedisano: il presunto boss è accusato di associazione mafiosa ed estorsione

Il 53enne, considerato boss della cosca Pesce, è già stato condannato nel 2010 per infiltrazioni mafiose nel tessuto economico ed imprenditoriale lombardo

immagine articolo Va a processo Michele Oppedisano: il presunto boss è accusato di associazione mafiosa ed estorsione

Michele Oppedisano, presunto boss della cosca Pesce, va a processo per associazione mafiosa, estorsione e altri reati. Lo ha stabilito il gup di Milano, Guido Salvini, a seguito di un’inchiesta dei pm Paola Biondolillo e Sara Ombra sulle strategie di infiltrazione nel tessuto economico ed imprenditoriale in Lombardia da parte dei clan di ‘ndrangheta. Oppedisano, 53 anni, già condannato a seguito del blitz “Infinito” del 2010, avrebbe costituito diverse società, con la complicità di un avvocato ed un commercialista, per regolarizzare sulla carta lavoratori stranieri ed emettere fatture false. Il giudice ha disposto il rinvia a giudizio nel processo che si terrà a Monza il prossimo 15 dicembre anche per altri cinque imputati, tra cui Pasquale Oppedisano, figlio di Michele, Santo Paviglianiti, Aldo Bosina. Mentre è stato prosciolto un altro imputato e condannato con rito abbreviato Domenico Larocca, uomo di fiducia di Michele Oppedisano. Due persone hanno patteggiato.