24 Europa - Mondo Italia TICKERS Ultima Ora Coronavirus

Vaccino J&J, l’Agenzia Europea del Farmaco (EMA): “Possibili legami con rare trombosi”

Scritto da:

Nella riunione del 20 aprile 2021, il Comitato per la sicurezza dell’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) ha affermato che alle informazioni sul vaccino Janssen dovrebbe essere aggiunto un avvertimento su coaguli di sangue insoliti con piastrine basse. Il Comitato ha anche dichiarato che questi eventi dovrebbero essere elencati come effetti collaterali molto rari del vaccino. Lo riporta una nota dell’Agenzia. Nel giungere alla sua conclusione, il Comitato ha preso in considerazione tutte le prove attualmente disponibili, inclusi otto rapporti dagli Stati Uniti di casi gravi di coaguli di sangue insoliti associati a bassi livelli di piastrine, uno dei quali ha avuto esito fatale. Al 13 aprile 2021, oltre 7 milioni di persone hanno ricevuto il vaccino di Janssen negli Stati Uniti. Tutti i casi si sono verificati in persone di età inferiore a 60 anni entro tre settimane dalla vaccinazione, la maggioranza nelle donne. Sulla base delle prove attualmente disponibili, i fattori di rischio specifici non sono stati confermati.

Il Comitato ha osservato che i coaguli di sangue si sono verificati principalmente in siti insoliti come nelle vene del cervello (trombosi del seno venoso cerebrale, CVST) e dell’addome (trombosi della vena splancnica) e nelle arterie, insieme a bassi livelli di piastrine del sangue e talvolta sanguinamento. I casi esaminati erano molto simili ai casi verificatisi con il vaccino COVID-19 sviluppato da AstraZeneca, Vaxzevria. “Gli operatori sanitari e le persone che riceveranno il vaccino – è scritto sul sito dell’EMA – devono essere consapevoli della possibilità che si verifichino casi molto rari di coaguli di sangue associati a bassi livelli di piastrine nel sangue entro tre settimane dalla vaccinazione”.

“Una spiegazione plausibile per la combinazione di coaguli di sangue e piastrine basse – continua la nota – è una risposta immunitaria, che porta a una condizione simile a quella osservata a volte nei pazienti trattati con eparina chiamata trombocitopenia indotta da eparina”. “Il Comitato sottolinea l’importanza di un trattamento medico specialistico tempestivo. Riconoscendo i segni di coaguli di sangue e piastrine basse e trattandoli precocemente, gli operatori sanitari possono aiutare le persone colpite nel loro recupero ed evitare complicazioni. La trombosi in combinazione con la trombocitopenia richiede una gestione clinica specializzata. Gli operatori sanitari dovrebbero consultare la guida applicabile e / o consultare specialisti (p. Es., Ematologi, specialisti in coagulazione) per diagnosticare e trattare questa condizione. Come per tutti i vaccini, l’EMA continuerà a monitorare la sicurezza e l’efficacia del vaccino e fornirà al pubblico le informazioni più recenti. Una simile valutazione del segnale è stata recentemente finalizzata per un altro vaccino COVID-19, Vaxzevria (AstraZeneca).

I sintomi dopo 3 settimane dall’inoculazione

Casi di coaguli di sangue insoliti con piastrine basse si sono verificati in persone che hanno ricevuto il vaccino Janssen negli Stati Uniti. Il rischio di avere questo effetto collaterale è molto basso – riferisce l’Agenzia Europea del Farmaco – ma le persone che riceveranno il vaccino dovrebbero comunque essere consapevoli dei sintomi in modo da poter ottenere un trattamento medico tempestivo per aiutare il recupero ed evitare complicazioni. Le persone “devono cercare cure mediche urgenti se hanno uno dei seguenti sintomi nelle tre settimane successive alla vaccinazione con il vaccino Janssen: fiato corto, dolore al petto, gonfiore alle gambe, persistente dolore addominale (pancia), sintomi neurologici come mal di testa grave e persistente o visione offuscata, minuscole macchie di sangue sotto la pelle oltre il sito di iniezione.

Condividi su Whatsapp
1 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA