Province

Via ai saldi, trionfano abbigliamento e accessori

L’inizio del nuovo anno coincide, come di consueto, con la partenza dei saldi invernali, che in Calabria sono iniziati oggi per finire il 28 febbraio. Nonostante l’avvento del Black friday, i saldi continuano a rappresentare un’occasione importante perché si estendono su un periodo più ampio e non si limitano ad una singola giornata o week-end. Secondo le stime del centro studi di Confcommercio Cosenza, il 58% degli intervistati considera “molto importante” il periodo degli sconti, e comunque la percentuale delle famiglie che aspetta gli sconti per gli acquisti è significativamente superiore a quella che rimane indifferente. Per quel che riguarda la tipologia dei prodotti più ricercati, oggetto di interesse privilegiato dei calabresi si confermano i capi di abbigliamento, le scarpe e gli accessori, mentre minore attenzione è rivolta ad articoli sportivi e prodotti di pelletteria. Circa la percentuale di sconto applicata, è previsto che oltre il 70% delle imprese applicherà in partenza un ribasso che va dal 30% ad oltre il 50%. C’è da dire che difficilmente la gente rinuncia a fare acquisti durante i saldi, ma ad aiutare i commercianti potrebbe anche esserci il quadro meteorologico di questi giorni: finora la stagione che dovrebbe essere più fredda era stata estremamente mite, e la merce invernale è rimasta negli scaffali. Il repentino calo delle temperature degli ultimi giorni dovrebbe invece spingere i clienti ad andare alla ricerca di capi d’abbigliamento che finora non erano stati primari. In tutti i modi, la caccia all’affare è partita da questa mattina, e secondo la regola non scritta dei saldi è opportuno mettersi alla ricerca dei capi e dei prodotti desiderati entro le prime due settimane, durante le quali la scelta di taglie e colori è indubbiamente maggiore. Secondo le organizzazioni dei commercianti, in termini di spesa i saldi dovrebbero essere in linea con quelli dello scorso anno, anche se le stime sembrerebbero ancor più incoraggianti: il periodo natalizio ha fatto segnare una crescita dei consumi, ed il fatto di trovare convenienza non può che confermare il trend per l’utenza, mentre i maggiori ricavi possono consentire agli imprenditori di affrontare con meno pressioni le prime, imminenti scadenze del 2019. Come sempre, si invitano i consumatori a prestare attenzione alle dinamiche degli sconti, anche se ormai l’esperienza dovrebbe averli resi più smaliziati, per esempio, nel diffidare dagli sconti troppo alti. In Calabria, i saldi sono un’occasione imperdibile per un commercio schiacciato tra la concorrenza del web e tasse sempre più asfissianti. Ci si augura che, complice la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, gli imprenditori ricevano quella boccata d’ossigeno che serve per la ripresa dell’economia calabrese.

0 Condivisioni