sabato, 25 maggio 2024

VIDEO | Cala il sipario sulla quarta edizione del “Calabria Movie Film Festival”

È “Affricate” della regista ungherese Anna Gyimesi, che mostra il complesso e difficile rapporto di una madre nei confronti della figlia disabile, ad aggiudicarsi il premio come miglior film della 4/a edizione di Calabria Movie Film Festival. Quattro giorni di cortometraggi, master-class, mostre fotografiche e musica: si è chiusa a Crotone la manifestazione dedicata al meglio della cinematografia breve con prodotti provenienti da tutto il mondo. La rassegna, finanziata dalla Calabria Film Commission e sostenuta dal Comune di Crotone, è ideata da tre giovani professionisti del cinema calabrese: Matteo Russo; Luisa Gigliotti e Antonio Buscema. Quest’anno la kermesse – che ha visto la partecipazione di 14 cortometraggi selezionati su 500 candidati – si è sviluppata in più location della città pitagorica, e ha accolto artisti del calibro di Sara Drago, Antonio Gerardi, Alessio Praticò, Ninni Bruschetta, Peppe Piromalli, Daniel Cundari: a chiudere – domenica sera – la rassegna, la masterclass con l’attrice Denise Capezza e lo show-case del cantautore lametino N.A.I.P. (Nessun Artista In Particolare). Il bilancio del “Calabria Movie Film Festival” è più che positivo, come ha raccontato ai nostri microfoni, uno dei tre direttori artistici, Matteo Russo.

interviste:
Denise Capezza – attrice
N.A.I.P. – cantautore e musicista
Matteo Russo – dir. artistico Calabria Movie Film Festival