Attualità Catanzaro Cucina Notizie Primo Piano TICKERS Video Video del giorno

VIDEO | Catanzaro capitale della cucina per due giorni: è la festa nazionale del cuoco 2021

Scritto da: REDAZIONE

Per due giorni, ieri ed oggi, la Calabria è il cuore della buona cucina italiana. Tra Catanzaro e Soverato si tiene, infatti, l’edizione 2021 della festa nazionale del cuoco, alla quale prendono parte centinaia di chef arrivati da ben 15 regioni italiane, tra i quali il presidente della Federazione Italiana Cuochi, Rocco Pozzulo, circa 500 allievi delle scuole alberghiere calabresi ed una delegazione di cuochi di altri paesi. Cooking show e Masterclass a cura di chef stellati, convegno sul cibo e la gastronomia, iniziative di formazione e laboratorio, ed ovviamente degustazioni a tema e buffet con proposte in versione street food sono il sale del ricchissimo programma di questo raduno realizzato grazie al coordinamento dell’associazione provinciale dei cuochi di Catanzaro. Il programma della festa del cuoco rilancia il dibattito sui modelli locali e territoriali di ristorazione, sul modo di ripensare l’offerta gastronomica e d’accoglienza nel periodo della ripartenza post-pandemica e sulle possibilità di valorizzare e promuovere il pesce azzurro, impropriamente ed infelicemente definito povero. D’impatto la sfilata delle berrette bianche lungo corso Mazzini, nel cuore di Catanzaro, ma anche se la tradizione resta fondamentale, a partire dal colore, l’arte di cucinare coniuga sempre più spesso il classico alle sperimentazioni, facendo leva anche sulle innovazioni tecnologiche. Da un lato si riscopre l’importanza delle filiere corte e dei legami solidali fra chi produce e trasforma con chi opera nella ristorazione. Di certo, anche quello che è accaduto nell’ultimo anno e mezzo ha imposto di valorizzare il settore agroalimentare di prossimità, gli allevamenti locali, la piccola pesca costiera, l’acquacoltura, come forme razionali d’impiego di prodotti e specificità territoriali, valore aggiunto con cui affrontare la sfida della sostenibilità sul piano globale. Tema, quest’ultimo, a cui è particolarmente sensibile la didattica, che si sforza non solo di rafforzare l’esperienza e le competenze dei giovani studenti appassionati di cucina ma anche di far capire loro che i progetti sulla qualità delle materie prime e sul concetto di sostenibilità sono determinanti in questo momento storico. La festa del cuoco però mette in risalto aspetti della professione ai quali si pensa poco e che sono, invece, straordinari non solo professionalmente, ma soprattutto dal punto di vista umano: cinque anni fa, la Federazione dei Cuochi, che già si era resa disponibile dopo il terremoto dell’Aquila del 2009, ha creato un dipartimento solidarietà di cui fanno parte quegli chef che cucinano per le popolazioni colpite da calamità naturali come racconta Roberto Rosati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Condividi su Whatsapp
25 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA