Attualità Crotone Economia Notizie Primo Piano TICKERS Turismo Video

VIDEO | Diritto alla mobilità: sit-in dei cittadini a difesa dell’aeroporto di Crotone

Ieri pomeriggio è partito l'ultimo volo Ryanair dal Pitagora: la compagnia low-cost irlandese ha deciso la sospensione dei voli

Un sit-in per ribadire – ancora una volta – il diritto alla mobilità del territorio: è quello inscenato nel primo pomeriggio di martedì dal Comitato Cittadino Aeroporto Crotone davanti lo scalo di località Sant’Anna. Questa mobilitazione è stata organizzata poiché Ryanair ha sospeso i voli da e per l’aeroporto Pitagora, per questioni legate all’emergenza Coronavirus. Il sit-in è iniziato, infatti, un’ora dopo la partenza dell’ultimo volo per Bergamo, una delle due tratte su Crotone, l’altra è Bologna che si è conclusa domenica scorsa.

«Abbiamo visto decollare l’ultimo aereo per Bergamo – ha detto il portavoce del Comitato, Giuseppe Martino – è stato molto triste perchè eravamo qua nel 2018 quando è partito il primo volo della gestione Sacal. Purtroppo siamo nell’unica infrastruttura che ci può collegare al mondo, ma è abbandonata, non è gestita correttamente. Avevano detto che, con il gestore unico aeroportuale, sarebbe cambiato qualcosa, ma non è cambiato: anzi, è diventato più precario. Mentre nel 2016 aveva la scusa della gestione fallimentare, adesso abbiamo il problema della Sacal: se gestisce male lo scalo, fa cattiva pubblicità, e nessuno vorrà volare. Noi abbiamo chiesto alla Sacal di ridurre al massimo i disagi: è inutile fare arrivare qui le persone e non far trovare il pullman, non dobbiamo essere noi del Comitato a segnalare questo problema».

«Noi puntiamo spesso il dito contro la Sacal – ha dichiarato Franco Turano, referente del Comitato – ma l’interesse è tutto rivolto verso Lamezia, un po’ verso Calabria, e zero per Crotone. Il bando vinto da Sacal è trentennale, noi per trent’anni saremo gestiti da questa società che non ha nessun interesse per Crotone. Non me la prendo tanto con la Sacal, ma con le istituzioni, con la politica, l’Enac, con il Ministero dei Trasporti, con la Regione. Per quanto riguarda la sospensione dei voli, si da la colpa alla pandemia: ebbene, è vero c’è questa situazione pandemia che affligge tutti. Ma mi chiedo: come mai questa situazione non interessa Lamezia? Infatti, per Lamezia, si stanno programmando nuovi voli, invece qua due miserabili voli che avevamo per Bologna e Bergamo sono stati cancellati. Questo territorio è destinato a morire, e non c’è niente che possa cambiare il destino. Siamo così rassegnati che alle manifestazioni siamo una trentina, non va bene. Dobbiamo cambiare strategia. Cerchiamo di farne un nostro orgoglio, perchè prima o poi ci sarà bisogno di manifestare seriamente, perchè non dobbiamo permettere che questo territorio resti chiuso. Parlano di sospensione, ma noi conosciamo la sospensione del volo per Norimberga com’è andata a finire».

Giuseppe Laratta

interviste:
Giuseppe Martino – Comitato Cittadino Aeroporto Crotone
Franco Turano – Comitato Cittadino Aeroporto Crotone

Condividi su Whatsapp
4 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA