Catanzaro Cronaca Notizie Primo Piano TICKERS Video Video del giorno

VIDEO | Operazione “Molo 13”, server impenetrabili e tecnologie innovative al servizio della cosca

Il procuratore della Repubblica di Catanzaro descrive le modalità di comunicazione che l'organizzazione criminale usava Scritto da:

«Ci ha sorpreso questa grande proiezione a livello internazionale (riferita alla famiglia Gallace di Guardavalle n.d.r.), l’evoluzione nelle conoscenze nel mondo, perchè si proiettavano verso l’Australia e Nuova Zelanda. Ci ha sorpreso la capacità che questi hanno avuto di inserirsi in un circuito telematico che non è di tutte le organizzazioni criminali: per noi è stato un elemento di novità questo “PGP”, non conoscevamo l’esistenza di questo sistema e la possibilità addirittura di avere un server dedicato. Noi sappiamo che esiste un server e poi, sul piano tecnologico, lo buchi ed intercetti le persone». Sono le parole del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, a margine della conferenza stampa sull’operazione “Molo 13” – coordinata dalla DDA e condotta da Scico e Guardia di Finanza – che ha portato all’arresto di venti persone in diverse regioni d’Italia ed oltre 4 milioni di beni sequestrati (LEGGI L’ARTICOLO). Il procuratore ha spiegato, nei dettagli, questo canale di comunicazione che l’organizzazione criminale usava per comunicare tramite tablet, allargando la conoscenza con le altre forze di polizia internazionali.

Condividi su Whatsapp
2 Condivisioni

Commenti

Clicca qui per commentare

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA