Attualità Cronaca Notizie Primo Piano Sanità TICKERS

VIDEO | Sanità, imbarazzo Cotticelli: il piano anti-Covid doveva farlo lui e… non lo sapeva!

Bufera sul commissario al rientro sanitario in Calabria intervistato dalla trasmissione "Titolo V" di Rai 3; la Lega chiede le dimissioni sue e del ministro Speranza Scritto da:

La Calabria è in zona rossa e non ha un piano Covid per affrontare l’emergenza. Questo piano, richiesto dal Governo ed introdotto nel decreto “Cura Italia” di marzo, prevede «l’incremento della dotazione dei posti letto in terapia intensiva e nelle unità operative di pneumologia e di malattie infettive». La Calabria non ha questo piano e non ha ottemperato a quanto richiesto. A doverlo redigere doveva essere – nelle regioni in cui la sanità è commissariata – il commissario: nel caso della Calabria, il generale Saverio Cotticelli. L’amara scoperta – non solo per i calabresi stessi, ma anche per lo stesso Cotticelli – è che il piano Covid doveva redigerlo lui, e lo ha scoperto davanti alle telecamere della trasmissione “Titolo V” di Rai3, andata in onda ieri sera 6 novembre. Enorme imbarazzo – come si può notare dalle immagini di RaiPlay – da parte del commissario Cotticelli allorquando ha scoperto l’amara verità, tra l’altro figlia di un suo parere richiesto a giugno al Ministero della Salute (la cui risposta è arrivata lo scorso 27 ottobre) su chi dovesse in Calabria – come anche in Molise dove la sanità è commissariata – scrivere e dare disposizioni in merito all’incremento dei posti letto in Terapia Intensiva e nelle unità sopra citate.

Lega Calabria: «Siamo davanti a uno dei peggiori scandali degli ultimi anni»
«Non si possono non rilevare le responsabilità politiche, non c’era un piano covid da giugno e il ministero non se ne era accorto? Al ministro Speranza, oltre che a Cotticelli, chiediamo la decenza di dimettersi immediatamente, perché un ministro che approfitta di una pandemia e delle imminenti elezioni regionali per mettere in ginocchio l’economia di una Regione non ci fa sentire tranquilli. Siamo davanti a uno dei peggiori scandali degli ultimi anni. Ora la Regione si organizzi senza considerare il decreto Calabria, aumenti posti di terapia intensiva e faccia un centro Covid, mentre il Governo rimuova immediatamente la zona rossa». Lo afferma – in merito – la Lega Calabria  in una nota.
Condividi su Whatsapp
21 Condivisioni

 

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA