Cronaca Notizie Primo Piano Reggio Calabria TICKERS

Violenza sulle donne: tre arresti per aggressioni a Reggio, con pistola, coltello ed acido muriatico

Scritto da:

Tre distinti casi di violenza di genere hanno portato ad altrettanti arresti ad opera dei Carabinieri di Reggio Calabria.

I militari della Stazione del rione Modena hanno arrestato A. F. , 45enne, pluripregiudicato, per aver aggredito la convivente arrivando a lanciarle un coltello. L’uomo era agli arresti domiciliari, che sono stati sospesi procedendo con l’arresto.

Ancora più eclatante l’episodio accaduto la scorsa notte, quando i Carabinieri hanno tratto in arresto Damiano Amato, 38enne di Arghillà. “L’ex compagna dell’uomo – spiega una nota – si era presentata presso la caserma dei carabinieri con due ferite d’arma da fuoco alla gamba, provocate dall’uomo che subito dopo era fuggito. Scattate le ricerche, l’autovettura dell’aggressore veniva ritrovata in tarda serata sotto l’abitazione di una coppia di conviventi presso cui Amato si era rifugiato”. Il 38enne è stato arrestato, la donna ferita è stata portata in ospedale.

Un terzo caso si era verificato nei giorni scorsi ed aveva portato all’arresto di S.P, 45enne reggino, “a seguito di intervento per una lite, con l’accusa di maltrattamenti nei confronti della moglie. La donna è risultata essere vittima di continue vessazioni di natura fisica e psicologica da parte dell’uomo, fino al tentativo ultimo di sfigurarla con dell’acido muriatico, acquistato nel pomeriggio della medesima giornata. Solo la decisione di denunciare e il tempestivo intervento dell’Arma reggina ha consentito di evitare più gravi conseguenze. A seguito di convalida dell’arresto da parte dell’A.G., è stato disposto l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla vittima.”

Ancor prima i Carabinieri della Stazione Modena, hanno eseguito “un’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale del divieto di avvicinamento alla persona offesa ed ai luoghi abitualmente frequentati dalla stessa” emessa dal tribunale di Reggio Calabria nei confronti di C.G, cl.73, reggino, pregiudicato. L’uomo è accusato di condotte violente e moleste nei confronti della ex moglie “che si concretizzavano in atti persecutori riscontrati con attività di pedinamento, nonché con evidenze di azioni lesive della persona tenute dal reo anche in presenza dei figli della coppia”.

Nello stesso giorno i militari della Stazione Gallina hanno dato esecuzione ad un’altra “ordinanza di applicazione della misura cautelare personale dell’allontanamento dalla casa familiare nonché del divieto di avvicinamento” nei confronti di C.F., 44enne, del posto, gravato da precedenti di polizia per reati in materia di stupefacenti. Le indagini hanno evidenziato “la responsabilità dell’uomo in ordine a condotte violente e moleste nei confronti della moglie e dei tre figli (19, 16 e 14 anni) che sfociavano in aggressioni verbali e frasi minacciose a tal punto da subire atteggiamenti vessatori, financhè con minacce di morte”.

Condividi su
  •  
15 Condivisioni

 

DIRETTA VIDEOCALABRIA

VIDEO ONLINE – AGENZIA VISTA